|
napoli 2
09 agosto 2020, Aggiornato alle 19,47
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Napoli, la denuncia di Filt-Cgil: "Conateco licenzia nel silenzio generale"

In cinque anni, riferisce il sindacato, sono stati licenziati 120 lavoratori del terminal container. "I loro diritti calpestati"

Il varco del terminal container Conateco di Napoli

«Nei porti del Sistema del Mar Tirreno Centrale sarebbe arrivato il momento di avviare iniziative volte a mettere a confronto ed in relazione temi quali l'etica di impresa e la cultura del lavoro». Così la Filt-Cgil Campania entra nel merito di una «denuncia pubblica di 120 lavoratori licenziati in cinque anni» nel terminal container Conateco del porto di Napoli.

Numeri che, secondo il sindacato, «meriterebbero l'attenzione delle istituzioni preposte alla tutela del lavoro in porto, ma anche delle istituzioni cittadine e regionali, per le quali 120 disoccupati rappresentano 120 famiglie di cui farsi carico. Invece, come spesso è accaduto, tutto sembra avvenire nel silenzio generale». 

La settimana scorsa, una protesta dei Cobas collegata a un licenziamento ritenuto illegittimo ha portato a un blocco dei mezzi pesanti in ingresso nel porto di Napoli.

«Vogliamo far sapere - continua il comunicato Filt-Cgil Campania - che siamo al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori che si stanno adoperando per una giusta causa a tutela dei loro diritti ingiustamente calpestati». Un messaggio di appoggio, «affinché - conclude la nota - le lavoratrici e i lavoratori del terminal CO.NA.TE.CO. trovino il giusto riconoscimento dei propri diritti e sviluppino per il futuro le proprie professionalità al servizio dell'impresa nell'interesse dell'intero sistema portuale. Questa vicenda darà nuovamente voce al giudizio terzo del tribunale del lavoro; il nostro auspicio è che l'Ente preposto alla vigilanza, al controllo e alla promozione dello scalo esca allo scoperto esercitando il proprio ruolo di governance, di controllo e di indirizzo delle politiche del lavoro portuale. La buona notizia è che non c'è bisogno di aspettare una norma ad hoc. C'è già, basta applicarla».