|
adsp napoli 1
17 maggio 2022, Aggiornato alle 08,51
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Msc entra in Moby come socio di minoranza

Lo annunciano in un comunicato congiunto le famiglie Aponte e Onorato. Una scelta per saldare Tirrenia e "consentire l'immediato risanamento del gruppo Moby"

(Frans Berkelaar/Flickr)

La famiglia Aponte e la famiglia Onorato hanno annunciato di aver raggiunto un'intesa finalizzata ad un aumento di capitale in Moby da parte del gruppo Mediterranean Shipping Company. Il gruppo Msc entrerà in Moby con una partecipazione di minoranza.

Questo aumento di capitale è finalizzato a saldare Tirrenia in amministrazione straordinaria «per consentire - si legge in un comunicato - l'immediato risanamento del gruppo Moby e nell'interesse dei suoi 6 mila lavoratori».

L'entrata di Msc in Moby arriva a una settimana - 31 marzo - dalla scadenza del deposito dell'accordo al tribunale di Milano tra Moby e l'amministrazione straordinaria di Tirrenia, la cui flotta è gestita da Compagnia Italiana di Navigazione. Il debito di Compagnia Italiana di Navigazione nei confronti di Tirrenia oscilla tra i 180 e i 159 milioni di euro, a seconda di quante navi vengano conteggiate in garanzia. Come affermato a inizio mese dall'armatore di Moby, Vincenzo Onorato, l'offerta a Tirrenia in amministrazione straordinaria è di 144 milioni, di cui 23 milioni da pagare subito e i restanti 121 milioni in tre anni, sulla base di un'ipoteca di primo grado su quattro navi di Compagnia Italiana di Navigazione.

«Prendiamo atto della soluzione positiva della vertenza Tirrenia/Cin ed esprimiamo grande soddisfazione per la tutela dell'occupazione e del reddito per tutte le lavoratrici e lavoratori marittimi coinvolti e per la salvaguardia della continuità territoriale», commentano il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, e il segretario nazionale, Marco Verzari. 

«Ben venga l'ingresso di Msc a supporto del Gruppo Onorato, perché ci consente di guardare con serenità al rilancio di Moby e Cin ed alla salvaguardia dei rispettivi livelli occupazionali». Così il segretario nazionale della Filt-Cgil, Natale Colombo, aggiungendo che «dopo tanta preoccupazione ed apprensione finalmente registriamo un'evoluzione  positiva della vicenda relativa al piano di risanamento di Moby e Cin. Attendiamo di conoscere - conclude il dirigente nazionale della Filt-Cgil - i dettagli dell'operazione e le conseguenti ricadute positive sul concordato in atto, anche sugli attestamenti del tribunale di Milano. Accogliamo con piacere l'energico supporto di Msc che offre ai circa 6 mila lavoratori del Gruppo Onorato una nuova e solida prospettiva».

-
credito immagine in alto

Tag: msc - moby