|
napoli 2
18 giugno 2021, Aggiornato alle 17,30
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori - Infrastrutture

Messina: ex Fiera, concessioni e stazione a gas per i porti dello Stretto

Gli operatori chiedono all'Autorità che include anche Villa San Giovanni, Milazzo e Reggio Calabria di investire in nuove opere "importanti e ineludibili"

Il porto di Messina

Il sistema portuale che fa capo a Messina, l'Autorità di sistema portuale dello Stretto – che ha ricevuto dalla Consulta la sua legittima istituzione – riparte dagli spazi dell'ex Fiera, dall'estensione delle concessioni e da una nuova stazione di rifornimento di gas naturale liquefatto.

Saranno gli argomenti di discussione della prossima riunione dell'Organismo di Partenariato della Risorsa Mare, il "parlamentino" esclusivamente consultivo dell'Autorità di sistema che include le Regioni Calabria e Sicilia (Messina, Villa San Giovanni, Milazzo e Reggio Calabria). Lo annuncia il rappresentante degli armatori in seno all'Organismo, Vincenzo Franza di Caronte & Tourist.

Armatori, operatori portuali, spedizionieri e trasportatori hanno firmato un documento nel quale si chiede al segretario generale dell'Adsp, Ettore Gentile, di integrare l'ordine del giorno della riunione in programma il 27 ottobre con alcuni punti ritenuti «importanti e ineludibili». 

Si chiede in particolare che si discuta delle aree e delle infrastrutture ex Fiera di Messina; della proposta di estendere a 15 anni la validità di alcune concessioni demaniali e della costruzione a Tremestieri di una stazione di rifornimento di gas LNG, una struttura voluta proprio da Caronte & Tourist per rifornire il suo traghetto Elio ma che sta trovando un po' di ostacoli, a detta della compagnia. Infine, un confronto sullo stato avanzamento e sulle eventuali criticità del Piano Operativo Triennale e del Documento di Pianificazione Strategica di Sistema.

Per Franza si tratta di una iniziativa «assolutamente in linea con gli scopi e le finalità dell'Organismo di Partenariato della Risorsa Mare, che per qualità e ampiezza della rappresentanza può e deve sempre più sostanziarsi quale luogo di confronto politico in senso lato, che tenga cioè conto anche delle necessità e delle istanze dei territori oltre che delle necessità dei porti e delle aree portuali».

Tag: messina