|
napoli 2
13 agosto 2020, Aggiornato alle 19,36
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Mercato rimorchi, un 2019 da dimenticare

Le immatricolazioni ridotte quasi del sei per cento nei primi undici mesi


Con una perdita del 5,9%, il mercato dei rimorchi e semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5 tonnellate conferma una contrazione delle immatricolazioni nei primi undici mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018. La stima è stata elaborata dal Centro Studi e Statistiche di Unrae, l'associazione delle case automobilistiche estere, su dati forniti dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Per Sandro Mantella, coordinatore del gruppo rimorchi, semirimorchi e allestimenti di Unrae, la tendenza negativa del mercato è causata anche da politiche poco attente alle necessità del settore e spesso contraddittorie. "Che ci sia difficoltà nel nostro Paese a gestire in modo complessivo e coerente la politica dei trasporti, e tanto più quella dell'autotrasporto - dice Mantella - lo dimostra anche il fatto che stanno per aumentare i costi del transito marittimo dei veicoli stradali destinati al trasporto di merci, come conseguenza dell'applicazione delle nuove regole imposte dall'Imo per la riduzione a livello mondiale dell'inquinamento marittimo: in altre parole, mentre da un lato si sostiene lo shift modale anche attraverso le condizioni poste per avere gli incentivi agli investimenti, dall'altro lato si aumentano i costi del passaggio marittimo dei mezzi stradali".