|
adsp napoli 1
22 aprile 2024, Aggiornato alle 16,27
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Mercato dell'auto cresce a giugno, ma non entusiasma

Aumenta la quota di veicoli a ricarica elettrica, sono però ancora lontani gli obiettivi della transizione energetica


Il mercato dell'auto in Italia chiude a giugno con segno positivo, ma è in frenata. Con 138.927 immatricolazioni, l'incremento del 9,2% è infatti ridimensionato rispetto ai mesi precedenti e si confronta con la flessione del 15% di giugno 2022 (che si attestò a 127.232 unità). Nel primo semestre di quest'anno, riferisce Unrae (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri), le immatricolazioni ammontano a 841.343 unità, con un aumento del 23% e con 157 mila auto in più rispetto alle 684.262 del primo semestre 2022, ma con ben 242.000 vetture in meno e una flessione del 22,3% rispetto allo stesso semestre 2019.  

Da segnalare in questo mese l'aumento, ma non un grande balzo, della quota di ECV (veicoli a ricarica elettrica): grazie alla migliorata disponibilità di prodotto e alle pratiche commerciali di fine trimestre, le BEV salgono al 4,4% e le plug-in al 5,4%, per una quota complessiva delle ECV al 9,8%.

"Siamo sempre lontani dagli obiettivi della transizione energetica, ma si può ancora recuperare il ritardo accumulato e accelerare il processo di decarbonizzazione intervenendo finalmente sul fronte aperto della fiscalità delle auto aziendali per uso promiscuo, sulle storture dello schema 2022-24 degli incentivi per le auto a basse emissioni, sull'intensificazione e massima diffusione delle infrastrutture di ricarica", ribadisce il presidente dell'Unrae Michele Crisci.
 

Tag: automotive