|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 17,23
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping

Mattioli nuovo presidente della Federazione del mare

Guiderà per i prossimi due anni una federazione "aperta a tutti". Mattioli: "Riportiamo la rappresentanza unitaria"


Mario Mattioli è stato eletto all'unanimità, per il prossimo biennio, presidente della Federazione del sistema marittimo italiano (Federazione del Mare), organizzazione che riunisce il cluster nazionale delle attività marittime. Vicepresidenti sono stati nominati: il presidente Assonave, Vincenzo Petrone, e i past president di Federagenti, Umberto Masucci, e Ucina, Anton Francesco Albertoni. 

'Presidente d'Onore' della Federazione resta il past president Corrado Antonini, segretario generale Carlo Lombardi, vicesegretario generale Marina Stella, cui si aggiungono Francesco Mariani e Laurence Martin

«Favorire la rappresentanza unitaria del cluster marittimo presso il legislatore, il governo, le amministrazioni, l'opinione pubblica, le altre realtà associative, in Italia e all'estero, ed approfondire i temi che valorizzano la marineria italiana come fattore di sviluppo del Paese. Dobbiamo tornare a considerarci un Paese marittimo, per poter affrontare le sfide che ci attendono nei prossimi anni», ha commentato Mattioli, che ha concluso: «La Federazione resta aperta anche alle organizzazioni marittime che non ne fanno parte o ne sono uscite».

Uno degli obiettivi più importanti della Federazione del Mare resta quello di ricreare un ministero del Mare, o un dipartimento dedicato nella Presidenza del Consiglio, «comunque – si legge in una nota - una struttura che sappia leggere e innovare la passata tradizione del ministero della Marina mercantile, oggi ridotto ad un'unica direzione ministeriale, mettendo nuovamente a sistema la gestione dell'intero cluster marittimo, i cui aspetti sono oggi dispersi tra diverse amministrazioni, con danni certi per lo sviluppo loro e dell'Italia». A tal fine, i nuovi vertici della Federazione si dichiarano pronti a incontrare tutte le forze politiche.

Incontro con l'European Network of Maritime Clusters
Successivamente, si è tenuto un incontro fra il Consiglio della Federazione e il nuovo vertice operativo dell'European Network of Maritime Clusters, il presidente Arjen Uytendaal e il segretario generale Olivier van Paasschen, i quali stanno avviando la loro azione incontrando gli esponenti dei principali cluster marittimi europei per meglio definirne gli interessi comuni, con il fine assicurare un maggior peso alla blue economy anche a livello comunitario.
____________________________________________________________
Costituita nel maggio 1994, La Federazione del mare riunisce oggi gran parte delle organizzazioni del settore: AIDIM (diritto marittimo), ANCIP (lavoro portuale), ANIA (assicurazione), ASSOPORTI (amministrazione portuale), ASSONAVE (cantieristica navale), ASSORIMORCHIATORI (rimorchio portuale), COLLEGIO CAPITANI (stato maggiore marittimo), CETENA (ricerca navale), CONFITARMA (navigazione mercantile), FEDERAGENTI (agenzia e intermediazione marittime), FEDEPILOTI (pilotaggio), FEDERPESCA (navigazione peschereccia), FEDESPEDI (trasporti internazionali), INAIL/exIPSEMA (previdenza marittima), RINA(certificazione e classificazione) e UCINA (nautica da diporto). Le attività marittime annualmente producono beni e servizi per un valore di 33 miliardi di Euro (2% del PIL), di cui 6,2 miliardi esportati, ed acquistano presso le altre branche dell'economia forniture per 20 miliardi di Euro, fornendo occupazione a 170 mila addetti direttamente e ad altri 310 mila nelle attività manifatturiere e terziarie indotte.