|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 13,48
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping

Livorno, Ispra, Capitanerie e Adsp al lavoro sulla Piattaforma Europa

Per cinque anni un gruppo di lavoro studierà come riperimetrare i Siti di interesse nazionale e valuterà gli impatti ambientali del futuro terminal


Avviare, quanto prima possibile, l'iter di riperimetrazione dei Siti di Interesse Nazionale, rimettendo alla competenza della Regione la bonifica delle aree che si affacceranno sulla futura Piattaforma Europa, l'opera di espansione a mare del porto di Livorno per la cui progettazione delle attività di dragaggio e di realizzazione delle dighe foranee è stata bandita a febbraio una gara.

Prende le mosse anche da questo obiettivo il protocollo di intesa che Autorità di sistema portuale (Adsp) del Tirreno settentrionale, Capitaneria di porto e ISPRA (Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale) hanno firmato nei giorni scorsi.

La collaborazione – si legge in un comunicato dell'Adsp - avrà una durata di cinque anni e impegnerà le parti a condividere il know how su temi di interesse strategico per il porto, come l'elaborazione dei piani di caratterizzazione ambientale; la definizione di programmi di monitoraggio ambientali marini, l'individuazione e applicazione di criteri tecnico scientifici innovativi finalizzati all'impiego dei sedimenti oggetto di movimentazione per la ricarica del sistema sedimentario costiero del litorale. Non riguarderà solo Livorno ma anche Piombino e i porti elbani.

Su ogni singola tematica Aathority, ISPRA e Capitaneria di Porto, il cui supporto operativo, tecnico-amministrativo e logistico è fondamentale ai fini della implementazione di sistemi innovativi nel contesto della salvaguardia ambientale, stipuleranno convenzioni di settore specifiche che preciseranno il dettaglio delle attività.

Per quanto riguarda le iniziative di deperimetrazione SIN, l'ISPRA si impegna a elaborare il piano di caratterizzazione ambientale e a svolgere in collaborazione con ARPAT l'analisi dei campioni in mare reperiti dalla Port Authority.