|
napoli 2
05 aprile 2020, Aggiornato alle 09,50
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Infrastrutture

Livorno, Darsena Europa simula ingresso nave

Adsp, Capitanerie e piloti studiano i servizi tecnico-nautici. Corsini: "Pronti nel 2024". In arrivo due nuovi rimorchiatori nel porto

La Darsena Europa in costruzione (via google maps)

Simulazione ingresso nave, nei prossimi mesi il progetto definitivo per la Valutazione di impatto ambientale, infine l'approvazione del Consiglio di Stato. La nuova Darsena Europa del porto di Livorno potrebbe essere in quattro anni, nel 2024. Lo ha detto il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno settentrionale, Stefano Corsini, durante un incontro in Capitaneria di porto per aggiornare le tariffe di rimorchio. Una nuova previsione, quindi, una nuova scadenza per un terminal container di ultima generazione i cui lavori di progettazione e costruzione sono lunghissimi.

Attualmente in authority si sta studiando insieme ai piloti e alla Capitaneria come far entrare e uscire le navi in un polo terminalistico che potrà accogliere navi molto grandi, fino a 18 mila TEU, con un pescaggio di 16 metri.

«È un progetto del quale si parla da decenni, ma son qui da tre anni e la stiamo facendo», chiarisce  Corsini. «Stiamo per dare il via – spiega - alla simulazione dell'ingresso navi. Tra pochi mesi sarà pronto il progetto definitivo per la Valutazione di impatto ambientale e il passaggio al Consiglio superiore dei lavori pubblici. La tempistica è del 2024, coerente con la programmazione ferroviaria per collegarlo alle dorsali nazionali e internazionali».

Intanto, nel corso dell'incontro in Capitaneria, è stato deciso l'ingresso di due nuovi rimorchiatori azimutali. Arriveranno presto, precisa Piero Neri, amministratore della Fratelli Neri, l'azienda concessionaria storica dello scalo. Sono lunghi 24 metri, con una potenza di tiro di 80 tonnellate. Una grandezza «contenuta - spiega Neri - rispetto alla media ma con una potenza davvero eccezionale. I mezzi hanno anche un pescaggio inferiore ai normali modelli, avendo una struttura della chiglia che ricorda quella dei catamarani».