|
adsp napoli 1
02 dicembre 2022, Aggiornato alle 17,37
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Le ferrovie svizzere vogliono investire sul terminal PSA di Genova Pra'

Groupement Fer, associazione di trasporto e logistica con sede in Svizzera, ha tenuto il suo comitè mixte nel porto ligure

Una delegazione di Groupement Fer nel terminal container PSA di Genova Pra'

Si è conclusa oggi la visita di 3 giorni di Groupement Fer, l'associazione che rappresenta le società di trasporto e logistica con sede in Svizzera, in visita a Genova e al suo porto, che ha scelto la Liguria per l'annuale Comitè Mixte.

«L'ulteriore sviluppo dei collegamenti ferroviari tra la Svizzera, l'Europa meridionale e i porti del Mediterraneo sarà un'importante e rilevante opportunità in termini di sostenibilità ed efficienza – ha affermato Peter Bōsch, presidente del Board di Groupement Fer – Nel caso del Southern Express, in particolare, apprezziamo il collegamento ferroviario diretto da terminal a terminal». Entro due anni nel terminal di Genova Pra' verranno costruiti altri sette binari da 750 metri ciascuno. «Con il Terzo Valico, che consentirà di far circolare treni di 750 metri, ovvero standard europeo, saremo più competitivoi verso i mercati del sud Europa», ha aggiunto Roberto Ferrari, amministratore delegato di PSA Italy, che gestisce il terminal container di Genova Pra'.

La delegazione, composta da undici rappresentanti delle maggiori aziende di trasporto ferroviario, ha posto l'accento sull'importanza di implementare il trasporto di container tra la Svizzera e porti del Mediterraneo utilizzando un trasporto ferroviario efficiente, affidabile e ambientalmente sostenibile. In questo contesto, rispetto al trasporto di merci su strada, il treno "Southern Express" tra Basilea e Genova gestito da PSA Italy ha contribuito dal suo ingresso in servizio a ridurre le emissioni di CO2 dell'83 per cento e il 49 per cento di consumo di energia: il dato è stato calcolato attraverso uno strumento di simulazione accreditato della società tedesca di software ambientale EcoTransIT World (ETW) che calcola il consumo di energia e le emissioni di gas serra (GHG) per camion, treni, navi e aerei. I risultati confermano che lo spostamento dei container dalla strada alla rotaia non è solo conveniente, ma anche positivo per l'ambiente.

Dal 2018 il collegamento ferroviario "Southern Express" di PSA Italy – servizio trisettimanale diretto tra il porto di Genova e il terminal ferroviario svizzero di Frenkendorf vicino a Basilea – ha spostato circa 84 milioni di km/tons dalla strada alla ferrovia: PSA Italy ha trasportato oltre 23 mila TEU, per oltre 613mila metri lineari di container che altrimenti sarebbero stati trasportati su strada. Il viaggio da Genova a Basilea dura circa 14 ore e il 94% dei treni arriva entro due ore dall'orario di arrivo previsto.

Con un risparmio medio di anidride carbonica di oltre 5 mila tonnellate, spostando le merci su treno anziché su camion, l'agenzia belga Encon stima che il servizio Southern Express abbia contribuito alla diminuzione della CO2 equivalente piantando oltre 223,500 alberi ad alto fusto in 447 ettari, con una compensazione annuale di CO2 varia da 21,77 kg CO2/albero a 31,5 kg CO2/albero. Ciò significa che una tonnellata di CO2 può essere compensata da 31 a 46 alberi. L'Europa ha da 300 a 500 alberi per ettaro. Il calcolo delle cifre si basa su 24 kg di CO2/albero e una media di 500 alberi per ettaro.

Tag: genova