|
adsp napoli 1
04 ottobre 2022, Aggiornato alle 11,35
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Interporto di Nola torna ai livelli pre-pandemia

La progressione di treni e mezzi pesanti è stata tale da riportare il traffico ai livelli del 2019. L'ad di Interporto Campano, Ricci: "Cresciamo significativamente"

L'interporto di Nola (googlemaps)

L'interporto di Nola torna ai livelli pre-pandemia. Il traffico del 2021 ha infatti registrato un incremento di circa il due per cento, pari a 89,080 unità di trasporto intermodale (UTI) movimentate dalla Terminal Intermodale Nola, società controllata al cento per cento da Interporto Campano che si occupa della gestione intermodale dell'interporto di Nola.

Cresce il numero dei treni, quelli operati da Interporto Servizi Cargo, pari a 1,331, in crescita di circa il cinque per cento sul 2020. Nel complesso, quindi oltre i mezzi movimentati nell'interporto, ISC ha movimentato nel 2021 ben 2,620 treni. 

Infine, anche il traffico su gomma è in progressione, di circa il dieci per cento, avendo movimentato 5,51 milioni di tonnellate di merce, all'incirca 600 mila tonnellate in più sul 2020.

Per l'amministratore delegato di Interporto Campano, Claudio Ricci, «i dati del 2021 confermano le notevoli potenzialità del settore intermodale. Come Interporto Campano puntiamo a crescere significativamente in tale settore attraverso le controllate Terminal Intermodale Nola, Interporto Servizi Cargo ISC Intermodal. Insieme all'attività intermodale, puntiamo ad un ulteriore sviluppo dimensionale del sito interportuale nonché alla  valorizzazione delle infrastrutture materiali ed immateriali esistenti nel sito che, unitamente al decollo della Zona economica speciale della Campania,  può rappresentare un fondamentale strumento di crescita per la nostra area».