|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 17,23
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping
Logistica

Incentivo Occupazione Mezzogiorno, rifinanziamento spiegato dalla Fai

E' previsto lo sgravio dei contributi a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di 8.060 euro su base annua


L'Anpal (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro) ha reso noto che è stato disposto il rifinanziamento per ulteriori 302 milioni dell'Incentivo Occupazione Mezzogiorno. In questo modo – fa sapere il coordinamento interregionale Fai di Napoli, Caserta, Avellino, Salerno e Roma – i datori di lavoro che hanno visto respinte le proprie domande per mancanza di fondi possono ripresentarle all'INPS, con la usuale procedura predisposta dall'Istituto.

 

Fai ricorda che l'incentivo "Occupazione Mezzogiorno" è rivolto ai datori di lavoro privati che assumano:
a) lavoratori di età compresa tra i 16 anni e 34 anni di età;
b) lavoratori con 35 anni di età e oltre privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi.

 

E' previsto lo sgravio dei contributi a carico dei datori di lavoro, nel limite massimo di 8.060 euro su base annua per lavoratore assunto, da riparametrare e applicare su base mensile, da fruire mediante conguaglio sui contributi INPS. L'incentivo è circoscritto alle Regioni Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. L'incentivo può essere fruito dal datore di lavoro privato per un massimo di 12 mensilità conseguite per persona assunta. Per beneficiare dell'incentivo l'assunzione deve essere effettuata non oltre il 31 dicembre 2018.