|
napoli 2
26 novembre 2021, Aggiornato alle 15,42
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Impennata di passeggeri a Piombino ed Elba. Guerrieri: "Segni di vitalità"

Un flusso di oltre 180 mila persone in transito e 60 mila veicoli nell'ultimo week end

Porto Ferraio (Francesco Guidi/Flickr)

«Dopo l'annus horribilis della crisi pandemica, i porti del sistema, in particolare quelli di Piombino e dell'Isola Elba, stanno tornando a dare importanti segnali di vitalità». Lo ha detto il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Settentrionale, Luciano Guerrieri, a commento dell'impennata di passeggeri in transito nella zona, circa 98 mila in arrivo e partenza e più di 32 mila veicoli solo a Piombino. 

Un traffico da bollino rosso quello sostenuto nell'ultimo weekend, con l'Autorità portuale a fronteggiare un flusso costantemente in crescita di persone e auto al seguito. L'Autorità di sistema portuale del Tirreno Settentrionale ha dovuto così dispiegare il proprio personale – con una media di 20 unità sabato e altrettante domenica – per gestire costantemente la situazione ed evitare l'insorgere di particolari problemi di sicurezza a seguito dell'inevitabile congestionamento della rete viaria e delle banchine.

E se il fine settimana piombinese è risultato essere particolarmente trafficato, quello elbano non è stato da meno, riferisce l'Adsp: sono stati circa 85 mila i passeggeri e circa 28 mila i veicoli transitati tra Portoferraio e Rio Marina. Numeri importanti, che fanno di Piombino e dell'Isola d'Elba due delle mete più trafficate di Italia.

Particolare attenzione è stata posta per garantire il rispetto delle misure anti Covid nell'ambito della stazione marittima di Piombino, che è stata attrezzata di sofisticati sistemi di monitoraggio e dì gestione delle code.

«Il ruolo di assoluto rilievo – afferma Guerrieri - nel traffico rotabili e passeggeri è evidenziato non soltanto dai volumi, che lo pongono stabilmente ai primi posto in Italia, ma anche dai collegamenti, che evidenziano la centralità dei nostri scali nel Mediterraneo. Particolarmente apprezzato il lavoro, pianificatorio e organizzativo dell'Ufficio Territoriale di Piombino, che assieme alle altre Istituzioni preposte, ha sino ad oggi operato per garantire il regolare afflusso di veicoli e persone alle banchine».

-
credito immagine in alto