|
Porto di Napoli
17 ottobre 2018, Aggiornato alle 17,08
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Logistica

I porti di Napoli e Salerno nell'associazione Alis

Anche il sistema portuale nella rete associativa delle imprese logistiche guidata da Guido Grimaldi


L'Autorità portuale del Tirreno centrale (Napoli, Salerno e Castellammare di Stabia) entra a far parte di ALIS, l'Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile che mette a sistema gli operatori del comparto logistico (autotrasportatori, anche monoveicolari; aziende armatoriali, aziende ferroviarie, terminal, agenzie, spedizionieri) e da oggi anche le realtà portuali. 

«Lieto della collaborazione – afferma Pietro Spirito, presidente dell'Authority – i nostri porti sapranno di sicuro fare da trait-d'union tra le diverse realtà territoriali per creare collegamenti sempre più diversificati e integrati. Lavoreremo insieme ad ALIS per valorizzare le soluzioni intermodali tra mare e terra, privilegiando un'integrazione tra trasporto ferroviario e traffici marittimi». «L'ingresso del sistema portuale del Tirreno Centrale è un grande passo avanti verso il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo posti ed è pienamente rispondente al dettato del nuovo Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica redatto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che mira allo sviluppo intermodale anche in relazione alla razionalizzazione delle autorità portuali preesistenti», commenta il presidente dell'associazione Guido Grimaldi. 

Sono più di 400, ad oggi, le aziende associate ad ALIS. Messe insieme fanno 120 mila unità di forza lavoro, 65 mila mezzi, 2,700 collegamenti marittimi settimanali con le isole e oltre 100 linee di autostrade del mare.