|
napoli 2
06 agosto 2020, Aggiornato alle 17,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Gruppo Tarros ritorna a scalare Ravenna

Mancava da diversi anni. Dal 7 luglio un nuovo servizio settimanale che collega il mercato emiliano con Grecia, Siria e Mar Nero

Il terminal container di Ravenna

Dopo diversi anni il Gruppo Tarros ritorna a scalare il porto di Ravenna avviando una linea container che collega diverse destinazioni del Mediteranno Orientale. «L'obiettivo – spiega la compagnia di La Spezia in una nota - è quello di offrire un servizio diretto all'importante  mercato dell'Emilia-Romagna da un porto locale, rendendo così più vantaggiosa la logistica regionale.

Con la partenza, martedì 7 luglio, della portacontainer Yanki A da Ravenna, si rafforza il servizio di linea Tarros dal terminal Setramar, integrandosi all'offerta Tarros da Venezia e Ancona. L'agenzia marittima locale è stata affidata alla locale Marisped.

Dal 2014 Tarros è presente con servizi regolari di linea nel Mar Adriatico, con Hub principale a La Spezia e scali regolari a Genova, Salerno e Napoli, con destinazione per tutti i principali porti mediterranei. Dal 2018 il servizio Tarros dall'Adriatico è strutturato per offrire collegamenti decadali diretti tra Italia e Grecia, Egitto, Libano, Turchia, con trasbordo per Siria e Mar Nero.

Attualmente i servizi Tarros nei porti dell'Adriatico hanno cadenza settimanale con la seguente rotazione: Venezia, Ravenna, Ancona, Pireo (trasbordo per Siria, Lattakia e Mar Nero per Poti, Novorossiysk, Odessa), Alexandria El Dekheila, Beirut, Izmir, Pireo, Venezia.

Tag: tarros - container