|
Porto di Napoli
17 gennaio 2019, Aggiornato alle 14,03
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Eventi

Fratelli Cosulich verso nuove acquisizioni

Mercoledì la festa dei 160 anni. Nata a Lussinpiccolo nel 1857 come compagnia marittima a vela, oggi è una multinazionale agenzia con servizi capillari


«Siamo in una fase di acquisizioni, cerchiamo aziende medio piccole da acquisire per rafforzare la nostra società. Vogliamo crescere ancora». Così Augusto Cosulich, amministratore delegato di Fratelli Cosulich, commenta all'Ansa il 160esimo anniversario dell'azienda a conduzione familiare. La festa ci sarà mercoledì, a Palazzo Ducale a Genova, nell'ambito della Genoa Shipping Week, celebrando il più antico agente marittimo italiano in attività, oggi multinazionale del settore con servizi di spedizioni, bunkering, yachting, catering, trading di prodotti industriali, assicurazioni e agenzia viaggio. Previsti mezzo migliaio di invitati provenienti per lo più dal cluster marittimo italiano. In particolare, sarà presente il presidente della compagnia iraniana di Stato Irisl, Mohammad Saeidi, di cui Fratelli Cosulich è agente in Italia e in altri porti del Mediterraneo: ha infatti portato nel nostro paese la prima nave iraniana dopo la fine delle sanzioni commerciali per il paese mediorentale. 

«Siamo una famiglia molto unita, uno dei pochi casi in cui non si litiga. Abbiamo attraversato più di un secolo e mezzo di storia», commenta Cosulich. 

Il gruppo è oggi gestito da sette componenti della famiglia. Ha sede legale a Trieste e operatività nel capoluogo ligure. Con 700 dipendenti, il fatturato, secondo le previsioni, raggiungerà quest'anno il miliardo. Secondo uno studio di Price Waterhouse, è la nona azienda della Liguria per fatturato. «Come agenzia marittima siamo diventati i primi in Italia e tra i primi in Europa», conclude Cosulich.

Breve storia
Fratelli Cosulich è stata fondata dal capitano Antonio F. Cosulich nel 1857 a Lussinpiccolo - popoloso comune, oggi croato, che nella prima metà del XIX secolo vantava una delle più forti marine dell'Adriatico. Le prime attività riguardavano armamento e cantieristica navale. Nel 1926 lancia una linea aerea. Nel 1935, sotto il fascismo, la nazionalizzazione dell'attività fino al 1945, anno in cui la famiglia ne riprende il controllo.

-
Immagine in alto, locandine storiche dal sito dell'azienda