|
Porto di Napoli
15 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,25
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori

Evergreen ordina 8 navi da 11 mila teu

Avranno due blocchi separati: timoniera e alloggi, sala macchine e fumaiolo. Servirà a migliorare la visibilità


L'armatore taiwanese Evergreen Marine ha ordinato a Samsung Heavy Industries 8 portacontainer da 11 mila teu. I contratti sono stati firmati dal presidente di Evergreen, Anchor Chang (foto, secondo da sinistra) e dal presidente e amministratore delegato di Samsung, J. O. Nam (terzo da sinistra).
 
Più visibilità 
La particolarità di queste portacontainer "medie" (rispetto ai colossi da 20 mila teu, le più grandi in circolazione) è che saranno adottate nuove soluzioni per migliorare la visibilità a pieno carico, quando i container sono allineati di fronte la sala di comando. Sono stati creati due blocchi separati, la timoniera e gli alloggi da un lato con la sala macchine e il fumaiolo dall'altro. Questo permetterà non solo di aumentare la visibilità ma di aggiungere un'altra pila di contenitori sul ponte.

Delle otto navi, 4 saranno di proprietà della consociata Greencompass Marine, le altre quattro dell'armatore. Saranno lunghe 334 metri, larghe 48, un pescaggio di 15,5 metri e sono in grado di trasportare 19 file di container sul ponte. La navigazione di crociera sarà di 23 nodi. Possono ovviamente passare attraverso il canale di Panama e, ci tiene a sottolineare Evergreen, rispetto alle portacontainer più grandi hanno scafi più corti che le rendono più agili e facilmente manovrabili. La consegna è prevista tra il 2020 e il secondo trimestre del 2021. In una nota hanno detto che l'investimento è volto a «soddisfare la futura domanda di mercato e per continuare a rinnovare la flotta». Alla consegna delle navi, Evergreen riconsegnerà al cantiere vecchie navi noleggiate.
 
-
Nella foto, da sinistra, il direttore generale di Evergreen, Lawrence Lee; il presidente di Evergreen, Anchor Chang; l'ad di Samsung Heavy Industries, J. O. Nam e il capo delle vendite, K. H. Kim