|
napoli 2
01 dicembre 2020, Aggiornato alle 18,54
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Endorsement del Propeller Club di Napoli per Spirito

L'associazione culturale degli imprenditori del mare partenopei auspica il bis del presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale

Pietro Spirito, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale

Il Propeller Club di Napoli chiede la riconferma del presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale, Pietro Spirito, il cui mandato, dopo quattro anni, scade a dicembre. La richiesta arriva dopo una relazione pubblica online che Spirito ha tenuto ieri pomeriggio, in un evento organizzato dall'associazione culturale napoletana degli imprenditori del mare.

«Dopo dieci anni di immobilismo nel porto di Napoli, Spirito ha saputo riavviare la macchina del porto, ha tra le altre cose portato a termine i dragaggi, la missione impossibile degli ultimi vent'anni, ha riavviato il progetto del waterfront, fermo dal 2004, con il completamento dell'Immacolatella Vecchia e l'avvio dei lavori al molo Beverello, riportando negli scali di Napoli, Salerno e Castellammare un approccio pragmatico alla soluzione dei problemi», afferma il presidente del Propeller Club partenopeo, Umberto Masucci.

In nome della continuità, quindi, si chiede la riconferma di Spirito, una «guida manageriale che conosca bene la portualità e sappia dirigere con efficienza la difficile macchina amministrativa». Altrimenti, «si corre il rischio di fermare nuovamente lo sviluppo dello scalo partenopeo».

Tag: napoli