|
napoli 2
17 gennaio 2022, Aggiornato alle 18,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Dopo Napoli, anche a Genova il manifesto delle merci in arrivo

Successo per eManifest, il sistema doganale completamente telematico avviato da Spediporto. In realtà, sperimentazioni di questo tipo vanno avanti da anni in tanti porti

Un ufficio degli spedizionieri di Genova dov'è stato sperimentato eManifest

La prima è stata Napoli a sperimentare il manifesto delle merci in arrivo, ora tocca a Genova. La Hub Telematica, società partecipata da Spediporto, Assagenti e Sis, ha avviato anche nel porto ligure il sistema che velocizza il lavoro dell'Agenzia delle Dogane.

La sperimentazione, spiega una nota di Spediporto, è partita dal porto di Napoli. L'ufficio doganale di Napoli centrale, infatti, è stato scelto come pilota per la sperimentazione operativa delle nuove modalità di presentazione del manifesto merci in arrivo. Il profondo rinnovamento ha riguardato sia aspetti logicistici che adeguamenti tecnologici di interscambio, formato e firma digitale. Grazie al coordinamento dell'Agenzia delle Dogane con Sogei ed Hub Telematica, è stato generato e trasmesso con successo il primo manifesto merci in arrivo.

Emanifest, è stato battezzato così. Nei prossimi giorni il sistema verrà esteso ad altri uffici doganali.

In realtà, sperimentazioni di questo tipo sulle merci in arrivo vanno avanti da anni. A febbraio scorso Livorno ha avviato lo sdoganamento in mare per le merci alla rinfusa, seguito da Venezia a marzo. Bari ha avviato una cosa simile a luglio scorso. Ad agosto 2020 l'Agenzia delle Dogane ha avviato lo "smart terminal" inizialmente in sei porti, Genova, La Spezia, Trieste, Venezia, Ravenna e Bari. Permette agli spedizionieri di presentare in anticipo il manifesto delle merci in arrivo, velocizzando così le dichiarazioni doganali e la catena logistica, e permettendo i soggetti AEO dichiaranti di essere informati in anticipo sulla decisione da prendere sugli sbarchi, ai sensi della legge Ue 2446/2015.

Tag: genova - napoli - dogane