|
adsp napoli 1
24 maggio 2024, Aggiornato alle 11,47
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Armatori

Donne e Blue Economy, a Budapest l'annual meeting del progetto Win Big

L'iniziativa europea intende ridurre lo squilibrio di genere e il divario di capacità nel settore marittimo


A Budapest si è tenuto l'annual meeting del progetto europeo Win Big, ospitato da Geonardo Environmental Technologies presso la Central European University (Ceu). Il progetto Win-Big intende ridurre lo squilibrio di genere e il divario di capacità nei settori della Blue Economy dell'Ue per sostenere le donne che operano nella catena del valore. Federazione del Mare è tra i partner del progetto WIN Big, la cui missione è quella di colmare il divario di conoscenze sul ruolo delle donne nei settori della Blue Economy (BuE) in tutti e 6 i bacini marittimi dell'Ue. L'obiettivo è fornire dati accurati sullo status di genere e sui ruoli delle donne in BuE e identificare le lacune di competenze che impediscono alle donne di entrare o avanzare nella carriera blu.

Durante l'incontro ogni Work Package leader ha presentato lo stato dell'arte delle attività di progetto e i prossimi step da implementare. Per la Federazione del Mare hanno partecipato, Laurence Martin, segretario generale, e Lidia Rossi, project manager, che hanno presentato i primi risultati del Work Package 3 Linking & Networking e, in particolare, hanno introdotto l'action plan relativo all'organizzazione dell'evento che dovrà tenersi a livello mediterraneo il prossimo anno e di cui Fdm è leader. L'evento mediterraneo rappresenterà una grande occasione per discutere sul ruolo delle donne nella blue economy attraverso l'organizzazione di workshop, roundtable e training sessions dedicati a tematiche di rilievo e ad opportunità di carriera per le donne. L'evento vedrà la presenza di stakeholder istituzionali a livello europeo e nazionale, stakeholder di settore nella blue economy e la partecipazione di donne particolarmente attive e virtuose nel settore della blue economy. Al Project meeting a Budapest, oltre alla Commissione Europea, ha partecipato l'Ecsa in qualità di membro dell'Advisory Board.