|
adsp napoli 1
04 dicembre 2022, Aggiornato alle 10,16
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Personaggi

D'Esposito, passione & crociere

Storico membro dell'"equipaggio" della flotta Lauro, poi passato a Costa, Bruno D'Esposito muore all'età di 74 anni. Lanciò a Napoli il "lunedì di nozze" contribuendo alla nascita del polo crocieristico dello scalo campano


di Bianca d'Antonio 

Bruno D'Esposito ci ha lasciato. Non vedremo più il suo sorriso, così aperto, sincero e contagioso. Non lo vedremo più, ma resterà dentro di noi assieme alla sua disponibilità, alla sua infinita pazienza, al suo attaccamento al lavoro, alle sue enormi capacità. Nato il 10 dicembre del 1937, Bruno ha lavorato per circa 20 anni presso la Flotta Lauro. Il mitico "Comandante" ne aveva intuito le straordinarie capacità lavorative tanto da volerlo sempre presente in ogni occasione importante anche privata. Tramontata poi la Flotta Lauro, Bruno D'Esposito, approdò in Costa Crociere, allora Linea C., portando lo straordinario bagaglio della sua esperienza. Vi rimase per circa 25 anni quale Direttore dell'Ufficio di Napoli, prima a Piazza Municipio e poi nella sede di Via San Nicola alla Dogana. Si deve a lui se Napoli e la Campania sono diventate la piazza più importante per Costa Crociere battendo tutti i record nell'acquisizione di passeggeri e delle coppie in viaggio di nozze che si imbarcavano il lunedì dal porto di Napoli. Instancabile, eclettico, era un importante punto di riferimento per i suoi dipendenti, dei quali aveva guadagnato stima ed affetto; per le agenzie di viaggio, grazie alla sua esperienza e professionalità;  per i clienti-amici, ai quali elargiva suggerimenti e consigli di "crociera" sempre preziosi ai quali era poi difficile rinunciare. Presente ad ogni nuovo varo della flotta Costa, lo vedevi arrivare con il suo sorriso coinvolgente, la sua faccia simpatica, la sua innata simpatia. Quando era andato in pensione, era felice solo per potersi godere di più la sua famiglia, la sua Sorrento e poter finalmente andare a pescare con la sua barchetta. Un lusso che gli è stato concesso per troppo poco tempo! Un abbraccio speciale alla moglie Anna ed alla figlia Giovanna insieme al suo straordinario, indimenticabile sorriso.