|
napoli 2
28 novembre 2020, Aggiornato alle 19,54
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Covid-19 in Europa, Ecsa indica le misure da adottare per l'industria marittima

La stessa iniziativa assunta in Italia da Confitarma con una lettera inviata alla ministra De Micheli


Il 76% del commercio estero dell'Ue avviene via mare, così come il 32% del trasporto di merci all'interno dell'Unione. Con la forza di questi numeri, Ecsa ed Etf (e in Italia Confitarma, come vedremo più in basso) invitano le istituzioni europee a sostenere l'industria marittima e la sua forza lavoro con le sfide che devono affrontare nella grave emergenza causata dalla diffusione del coronavirus. Misure speciali e azioni devono essere prese con la massima urgenza, spiegano le due organizzazioni internazionali, per garantire la continuità e la tenuta del settore. Punto per punto, Ecsa e Etf indicano ai ministri degli Stati membri le immediate necessità dello shipping europeo in campo sociale, operativo ed economico.

Impatto sociale
-  Circolazione degli equipaggi delle navi: è della massima importanza che le navi siano in grado di attraccare dove necessario e che i membri dell'equipaggio sono in grado di unirsi e lasciare il proprio viene fornito con il minor numero di impedimenti possibile. Con restrizioni ai porti – e riduzioni dei voli - questo sta diventando sempre più difficile. Per questo motivo, il l'industria chiede flessibilità e assistenza in modo da aiutare i marittimi a continuare gestire le navi e avere il permesso di partire e tornare alle loro case in modo che l'equipaggio i rilievi possono continuare ad essere effettuati. Chiediamo quindi che lo siano i marittimi esonerati dai divieti di viaggio nazionali, in modo che possano unirsi alle loro navi e mantenere attive le linee di alimentazione. Dovrebbero anche essere trattati pragmaticamente quando tornando a casa dalle loro navi. In questi momenti critici, come accade per medici e forze di sicurezza, i marittimi sono lavoratori chiave e hanno bisogno dei governi riconoscerli come tali e offrire loro una considerazione speciale.

-  Periodo massimo di servizio: su loro richiesta o per assenza di equipaggio che li sostituisce e / o per l'assenza di voli dal loro porto previsto di sbarco nel loro paese d'origine, i marittimi potrebbero dover trascorrere più tempo imbarcarsi sulle navi rispetto a quanto specificato nei contratti di lavoro o ai sensi della normativa applicabile leggi nazionali che applicano la Convenzione sul lavoro marittimo. Pertanto chiediamo gli Stati di bandiera e di porto applicano un approccio pragmatico a tali situazioni e, a caso per caso, consentire ai membri dell'equipaggio di rimanere a bordo per un periodo ragionevole periodo al di là delle loro programmate visite di servizio alla luce delle implicazioni della pandemia, tenendo presente che le navi devono navigare con equipaggio completo.

-  Certificati dei marittimi: in considerazione delle restrizioni ai viaggi, i marittimi potrebbero essere costretti trascorrere più tempo a bordo del solito in quanto non sono autorizzati a lasciare la nave. Inoltre, alcuni istituti di formazione hanno chiuso per contenere la diffusione di il virus. Ciò può pertanto comportare che i marittimi non siano in grado di fare la formazione necessaria per l'estensione del loro certificato e quindi uno o più dei loro certificati potrebbero scadere. Questo a sua volta potrebbe causare problemi i certificati di equipaggio sicuro delle navi e la loro capacità di navigare. Chiediamo a Flag e Stati portuali per mostrare pragmatismo estendendo la validità dei certificati di almeno 3 mesi. Per essere efficace ciò richiederebbe un'azione nel Regimi regionali di controllo dello Stato di approdo in tutto il mondo.

-  Licenziamenti di lavoro che interessano il personale di bordo e di terra: a causa del impatto sostanziale delle restrizioni di viaggio imposte sulle operazioni passeggeri e il traffico merci ridotto, le aziende hanno   dovuto adeguare operazioni e costi limitare l'impatto: gli Stati membri dovrebbero considerare di istituire speciali misure di assistenza ove possibile, per salvaguardare l'occupazione nell'Ue. Noi incoraggiamo i governi a scambiarsi le migliori pratiche già attuate in alcuni paesi, quali misure di protezione sociale per i marittimi o che coprono a percentuale degli stipendi dei dipendenti.

-  Accesso alle ispezioni a bordo da parte di personale specializzato: le restrizioni di viaggio hanno anche causato difficoltà per l'accesso a personale specializzato, come ispettori le navi e condurre ispezioni legalmente richieste (sicurezza, ambiente e formazione). I governi dovrebbero offrire loro una considerazione speciale in linea con le considerazioni sulle possibilità di movimento dei marittimi.

Impatto operativo 
• Mantenere aperte le linee di approvvigionamento: è di fondamentale importanza che le linee di approvvigionamento siano mantenute aperte affinché i prodotti e le forniture possano raggiungere le navi e ciò dipende dal fatto che le navi possano attraccare dove necessario.

• Certificazione delle navi: poiché la disponibilità del bacino di carenaggio è fortemente limitata a causa delle misure precauzionali per contenere il virus, diventa sempre più impossibile per le navi attraccare a secco in tempo se il rinnovo del certificato richiede l'attracco a secco. La flessibilità da parte degli Stati di bandiera e delle società di classe è richiesta attraverso un'estensione della validità degli attuali certificati di almeno 3 mesi. Affinché ciò sia efficace, ciò richiederebbe un approccio globale.

• Le navi da crociera non sono state autorizzate ad attraccare nei porti di alcuni paesi. Molte navi da crociera stanno tornando al loro "porto di origine" in Europa. Esistono approcci contrastanti tra gli Stati membri dell'Ue. Sono necessarie linee guida chiare e coerenti per consentire alle navi da crociera di attraccare il più presto possibile. Le navi da crociera richiedono garanzie che possano entrare nei porti, attraccare e sbarcare passeggeri ed equipaggio, permettendo il rimpatrio.

Impatto economico
- Le banche dell'Ue dovrebbero essere sostenute da un quadro normativo adeguato a livello dell'Ue risolvere i problemi di liquidità immediata degli armatori.

- Il pacchetto della BCE, come concordato venerdì 13 marzo scorso, dovrebbe essere reso disponibile senza indugio per consentire alle banche di continuare a finanziare il settore marittimo. Il sostegno dell'UE dovrebbe coprire anche il finanziamento degli investimenti sarà importante che l'industria si rigeneri a lungo termine.

- essere flessibile nell'applicazione degli orientamenti sugli aiuti di Stato marittimo, in modo che gli aiuti di Stato, come i regimi di riduzione del costo del lavoro, possono essere garantiti per davvero situazione particolare che l'industria marittima e i marittimi dell'Ue stanno affrontando.

Le misure proposte da Confitarma
Seguendo l'esempio del cluster continentale, anche gli armatori italiani riuniti in Confitarma hanno ritenuto necessario mettere nero su bianco – in una lettera firmata dal presidente Mario Mattioli e inviata alla ministra dei Trasporti De Micheli – le misure da adottare al più presto per affrontare la crisi e sostenere l'industria marittima. Sei i punti fondamentali da affrontare: intervento eccezionale di sostegno al reddito peri marittimi; interventi volti alla riduzione dei costi di approdo delle navi; estensione dell'esonero del versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali; finanziamenti a valere su fondi Cassa Depositi e Prestiti; sospensione adempimenti procedure processuali; moratoria sulle esposizioni finanziarie.
 

Tag: ecsa - confitarma