|
napoli 2
20 gennaio 2022, Aggiornato alle 09,19
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Commissione Europea boccia la fusione tra gruppi cantieristici sudcoreani

Per l'organismo Ue, il matrimonio tra Hyundai Heavy e Daewoo Shipbuilding determinerebbe una riduzione della concorrenza nel mercato delle costruzioni di navi per Gnl


"La fusione determinerebbe una riduzione della concorrenza nel mercato mondiale delle costruzioni di navi per gas naturale liquefatto". Lo dice in un comunicato la Commissione Europea in merito al piano di fusione delle società sudcoreane di cantieristica navale Hyundai Heavy Industries Holdings (Hhih) e Daewoo Shipbuilding & Marine Engineering Co. (Dsme), annunciato due anni fa, che infatti è stato bocciato dall'organismo Ue. 

"La proposta fusione - precisa la Commissione - avrebbe creato una posizione dominante nel mercato della costruzione di grandi navi metaniere. Ciò avrebbe comportato una scelta minore, prezzi più elevati e, in definitiva, una minore innovazione per i clienti europei. Le società non hanno presentato rimedi formali per compensare gli effetti negativi dell'acquisizione. Di conseguenza, la fusione non poteva essere approvata".

"Il nostro obiettivo con il controllo delle concentrazioni dell'Ue - è spiegato nella nota della Commissione - è impedire la creazione di monopoli o attori dominanti che danneggino la concorrenza e i clienti commerciali o i consumatori. Questa valutazione include il bilanciamento degli effetti positivi e negativi di un possibile accordo. Le nostre decisioni si basano su fatti e approfondite valutazioni legali ed economiche. Le nostre decisioni sulla fusione servono l'interesse di tutti gli Stati membri e dei cittadini".