|
adsp napoli 1
14 giugno 2024, Aggiornato alle 14,44
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

Co2, il porto di Rotterdam ha ridotto del 10 per cento le emissioni nel 2023

I livelli registrati sono scesi per la prima volta al di sotto di quelli dell'anno di riferimento 1990


Nel 2023, le emissioni di CO2 nel porto di Rotterdam sono diminuite di 2,2 milioni di tonnellate, circa il 10% in meno rispetto al 2022. L'Authority dello scalo olandese comunica che la diminuzione è stata causata principalmente dalle due centrali elettriche a carbone sul Maasvlakte. Nel 2023 questi impianti hanno infatti emesso complessivamente oltre 2 Mton (38%) di CO2 in meno rispetto al 2022. 

Insieme, i cinque impianti energetici hanno prodotto il 20% in meno di elettricità da fonti fossili. L'ente portuale ha inoltre osservato che le emissioni sono inferiori di un terzo rispetto al 2016, l'anno di punta in termini di emissioni di CO2 nel porto. Nel 2023, i livelli di emissione di CO2 (20,3 Mton) sono scesi per la prima volta al di sotto di quelli dell'anno di riferimento 1990 (20,6 Mton).

Secondo i responsabili del porto di Rotterdam, per ridurre le emissioni di CO2  nel porto del 55% entro il 2030 rispetto al 1990, in conformità con le ambizioni europee e olandesi, il porto deve raggiungere una riduzione di CO2  di 9,3 milioni di tonnellate entro il 2030. Ma i progetti su cui l'industria, l'Autorità Portuale di Rotterdam e i suoi partner stanno attualmente lavorando nel porto ammontano per ora a 8,1 milioni di tonnellate di emissioni nel 2030.

Gli operatori dello scalo nordeuropeo ritengono comunque che la combinazione tra la cattura e lo stoccaggio della CO2 nel progetto Porthos e i successivi progetti CCS e le iniziative basate sull'idrogeno, insieme alla chiusura delle centrali elettriche a carbone, saranno fattori determinanti per il raggiungimento degli obiettivi del 2030.
 

Tag: porti - rotterdam