|
napoli 2
13 agosto 2020, Aggiornato alle 19,36
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Civitavecchia, riprende la costruzione della darsena traghetti

La nuova banchina espanderà i collegamenti passeggeri e merci. di Majo: "Promuoviamo nuove linee marittime"

La nuova banchina in costruzione a Civitavecchia

Procedono i lavori di realizzazione della nuova banchina della darsena traghetti del porto di Civitavecchia. Sono stati completati i pali del primo impalcato del pontile numero due ed è iniziata la prefabbricazione degli elementi in cemento armato per i pali.

La nuova banchina rientra nel progetto ‘BClink: MoS for the future, cofinanziato dall'Unione europea con un contributo a fondo perduto di 2,2 milioni di euro. Il Consorzio Stabile Grandi Lavori e l'impresa consorziata esecutrice R.C.M. Costruzioni hanno ripreso quindi il cantiere dopo il fermo da lockdown, con l'Autorità di sistema portuale del Tirreno che fa capo a Civitavecchia e la direzione dei lavori che hanno implementato tutti i nuovi protocolli sanitari.

Il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo, nei giorni scorsi ha visitato il cantiere insieme al deputato Claudio Mancini (PD) e al presidente della Compagnia Portuale, Enrico Luciani,  insieme al vice e consigliere comunale Patrizio Scilipoti.

«I lavori sono ripresi e si procede speditamente - sottolinea di Majo - con l'impresa che ha recuperato, nei tempi di costruzione, quanto perso a causa del coronavirus. Nei primi mesi del prossimo anno il nostro porto avrà questa nuova importante infrastruttura la cui realizzazione è, oggi più che mai, fondamentale per rispondere all'ulteriore sviluppo del traffico ro/ro e ro/pax. Ciò, peraltro, non solo sulla rotta Civitavecchia–Barcellona, sempre più competitiva per gli importanti investimenti compiuti dall'armatore Grimaldi in termini di vantaggi di carattere ambientale, ma anche in virtù dell'attività di promozione che l'Authority sta portando avanti per l'attivazione di nuove linee marittime commerciali essenzialmente verso la sponda sud del Mediterraneo».