|
napoli 2
18 maggio 2019, Aggiornato alle 22,40
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Armatori

Carichi secchi, ancora tempi duri per le grandi navi

Un mercato dei noli molto volatile, festività e problemi ambientali fanno aumentare le incertezze per il settore


di Massimo GranieriDL News

Le trascorse settimane caratterizzate dalle festività pasquali prima cattoliche poi ortodosse sono state contraddistinte da un mercato dei noli ancora una volta sostanzialmente volatile. All'inizio della terza settimana di aprile il settore delle maxi bulker (Capesize) ha fatto registrare un picco positivo sulla rotta C5 ( minerale dalla costa Australian occidentale verso la Cina) che è saltata dai 6,5 dollari /tonnellata ai 7.75/7.50 per poi ripiombare a fine settimana ai livelli iniziali. Sebbene la volatilità sia intrinseca del mercato dei noli questo non significa facili negoziazioni e molti armatori con tonnellaggio in Pacifico hanno preferito aspettare la settimana successiva sperando in un secondo rialzo dei noli poi non realizzatosi. 

Similmente anche il mercato Atlantico ha conosciuto una vampata durante la burrascosa settimana durante la quale le trattative sono state maggiormente influenzate più dal sentimento che dai fondamentali. Le importazioni indiane sono state particolarmente limitate influenzate dalle distruzioni alle infrastrutture portuali causate dal ciclone tropicale "Fani" che ha portato piogge torrenziali e venti sino a 200 km orari. I lavori in questa seconda settimana di maggio riprenderanno realmente dopo un lunedì festivo in Inghilterra (bank holiday), in Sud Corea (childrens' day) e Giappone con deboli aspettative da parte degli armatori.

I noli per le Panamax nonostante un mercato scoordinato dalle varie festività hanno invece "tenuto" supportate soprattutto da un abbondante e continua richiesta di tonnellaggio sulla rotta dei grani dal Sud America per il sud est asiatico e la Cina con livelli di nolo onorevoli intorno ai 15.000 us dollars/giorno + 500.000 usd per consegna costa atlantica brasiliana o argentina. Ricordiamoci che questa rotta sta sfruttando il beneficio generato dalla crisi dei rapporti economici tra Cina e Usa assorbendo a se gran parte del grano che gli americani non posso esportare verso il paese della grande muraglia. Ad ostacolare ulteriormente le esportazioni agricole del Golfo Usa verso l'Oriente ci si mette ora anche la persistente siccità che ha costretto l'Autorità del Canale di Panama a limitare dal 28 Maggio prossimo il pescaggio di accesso ai locks a 13.10 metri con conseguente perdita di portata per le navi che lo attraverseranno. 

Bene e ben bilanciato anche il mercato Nord Atlantico per contro ad un mercato Pacifico decisamente più sotto tono che, sebbene piuttosto attivo, ha registrato noli a livelli decisamente più bassi. Molto più influenzato dalle festività il mercato dei noli per le ltramax/Supramax che ha perso d'impeto e ora gli armatori puntano ad una ripresa in concomitanza di una ripresa dei lavori. 
 

Tag: logistica