|
Porto di Napoli
19 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,49
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Logistica

Caos viabilità al porto di Salerno, Fai aspetta la fine dei lavori

Il sindacato ritira lo stato di agitazione, purché il divieto sull'A3 non duri più di 90 giorni, come previsto

Il porto di Salerno

Gli autotrasportatori aderenti alla Fai rinunciano alla manifestazione di protesta, indetta per venerdì, contro i rallentamenti interni al porto di Salerno dovuti ai lavori per la viabilità.

«Con senso di responsabilità – spiega il segretario regionale, Angelo Punzi - si sceglie di mettere in primo piano la sicurezza e l'interesse comune rispetto all'interesse dei singoli; pertanto gli autotrasportatori hanno deciso di ritirare lo stato di agitazione, relativamente al divieto temporaneo sull'autostrada A3. Confidiamo che i divieti imposti non superino il periodo di 90 giorni annunciato, e non cedono sulla richiesta di apertura in entrambi i sensi di marcia di via Benedetto Croce, perché, come più e più volte indicato, tale apertura consentirebbe al traffico automobilistico di utilizzare l'arteria cittadina al posto del viadotto Gatto, evitando che gli automobilisti salernitani, inutilmente, passino per il porto di Salerno, subendo soltanto traffico, inquinamento e chilometri in più da percorrere, insieme a moto e veicoli industriali rischiando importanti incidenti stradali a causa di una mobilità promiscua».

La decisione, informa il sindacato, è scaturita dopo una nuova riunione, al termine della quale all'unanimità si è deciso di far prevalere «il bene della collettività tutta e della città di Salerno». Una scelta, continua Punzi, «condivisa anche con il cluster portuale di Salerno. Nasce dalla voglia di rafforzare, sotto un'unica regia, tutte le realtà del porto di Salerno, per affrontare insieme i problemi legati sia alla viabilità e sia allo sviluppo del Porto stesso». 
.