|
napoli 2
05 luglio 2020, Aggiornato alle 12,06
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Logistica

Cagliari, accordo Grendi-Electrosteel

La multinazionale indiana dell'acciaio fornirà materiale edile per la Sardegna sbarcando nel terminal container del porto sardo


Cagliari si appresta a diventare un hub mediterraneo dell'acciaio. Un accordo tra la multinazionale indiana Electrosteel - specializzata nelle canalizzazioni e nei raccordi in ghisa sferoidale - il gruppo logistico Grendi e l'azienda di trasporti Cam di Cagliari. Una partnership presentata ieri al terminal Grendi del capoluogo sardo dall'ad del gruppo logistico Antonio Musso, dal dirigente Electrosteel Alfio Firpo, da Giampaolo Amitrano di Cam, Leandro Ferrari del Cagliari International Container Terminal e Roberto Isidori, commissario dell'Autorità portuale di Cagliari.

Electrosteel conta in Sardegna commesse per oltre 10mila tonnellate di materiale tra tubazioni in ghisa sferoidale e raccordi, destinati ad Abbanoa, azienda di gestione idrica, e ai Consorzi di Bonifica. Una grossa azienda internazionale con una capacità produttiva di due milioni di tonnellate di acciaio.

«Il nostro nasce come terminal di trasporto, molto efficace perché le navi che fanno scalo restano poco tempo e l'imprenditoria oggi ha molto bisogno di abbattere i costi», ha commentato Ferrari. «I container che arrivano al Porto Canale il giorno dopo sono già vuoti, per questo e per la posizione strategica del terminal la nostra scelta è ricaduta sulla Sardegna», ha aggiunto Firpo. «Si tratta di un'ottima opportunità di sviluppo per la realtà portuale cagliaritana - ha commentato Musso - con questo accordo raggiungiamo l'obiettivo di invertire il trend della logistica e far sì che alcune commesse anche dirette in continente, passino da Cagliari e vengano trattate qui».