|
napoli 2
25 novembre 2020, Aggiornato alle 19,13
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Bureau Veritas non distribuirà i dividendi 2019

Per la prima volta nella storia la multinazionale francese tratterrà liquidità per ripartire. A giugno l'assemblea delibererà


Bureau Veritas scommette sulla ripresa e tiene in cassa la liquidità per essere pronta per la ripartenza. Farà infatti parte di quelle multinazionali che hanno deciso di non distribuire i dividendi del 2019 agli azionisti, e quindi di utilizzare la liquidità «per confermare in toto i piani di espansione sia per vie interne sia attraverso possibili acquisizioni», si legge in una nota della società di classificazione francese.

«La decisione - spiega - assume un significato particolare in un mercato che dopo l'emergenza Coronavirus vedrà profonde trasformazioni e che imporrà, specie ai gruppi leader, un cambio di passo e un'accelerazione». Condivisa dagli azionisti, fra cui il gruppo Wendel, è la prima volta che Bureau Veritas fa una cosa del genere e dovrà essere confermata dall'assemblea del gruppo fissata per il 26 giugno in cui si approverà anche il bilancio 2019.

Come tutti in questo periodo, in questo caso nei 140 Paesi in cui opera, Bureau Veritas ha avviato il telelavoro, lasciando «un segno permanente nelle procedure e nell'operatività del gruppo». In altre parole, sarà un sistema di lavoro che in qualche modo verrà mantenuto. 

Bureau Veritas è quotata alla Borsa di Parigi. Conta più di 1,500 sedi in tutto il mondo e  78 mila dipendenti diretti. La controllata italiana Bureau Veritas Italia è tutt'oggi uno dei principali bracci operativi della multinazionale francese ed è competente, oltre che sull'Italia, su tutto l'est europeo, la Grecia, l'Ucraina e i Paesi baltici.