|
napoli 2
23 agosto 2019, Aggiornato alle 16,11
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Politiche marittime

Autotrasporto e Ccnl, Alis si confronta col governo

Incontro con il sottosegretario al lavoro Durigon per parlare di lavoro e forme di contratto

Da destra: Marcello Di Caterina, direttore generale Alis; Grimaldi; Durigon; gli avvocati Alessandro Paone e Francesco Rotondi dello studio Lab Law

Rappresentatività, associazionismo, libero mercato, semplificazione e sburocratizzazione, certezza del diritto e chiarezza del quadro normativo, ottimizzazione delle forme contrattuali ed armonizzazione della disciplina con gli altri Paesi europei, formazione professionale e nuove specializzazioni. Sono le tematiche emerse dal confronto promosso dai soci Alis con il sottosegretario al Lavoro e alle politiche sociali, Claudio Durigon, che è intervenuto a Roma in qualità di ospite istituzionale a conclusione del Consiglio direttivo dell'associazione logistica della mobilità sostenibile, affrontando le questioni legate ai profili occupazionali del settore trasporti e logistica.

«Dobbiamo affrontare con serietà il tema della rappresentanza - ha detto Durigon - approcciando serenamente e concretamente ad un cambiamento culturale in atto nel nostro Paese, senza aver paura di confrontarci con le realtà del mercato del lavoro e gli attuali mutamenti nel mondo dell'associazionismo. Dietro ogni azione c'è un uomo, e il progetto di Alis ne è diretta testimonianza. Se oggi questa associazione raccoglie in Italia una parte importante e considerevole delle aziende di trasporto e della logistica, dobbiamo prenderne atto».

«L'intervento di Durigon è un'ulteriore dimostrazione dell'interesse del governo nei confronti del ruolo del cluster Alis nello sviluppo di un settore trainante per l'economia del Paese», si legge in una nota dell'associazione. Alis ha al suo interno una commissione tecnica permanente sul Contratto collettivo nazionale di lavoro, allo scopo di coniugare gli obiettivi di politica industriale ed i bisogni organizzativi delle imprese aderenti, «che sempre più – continua la nota - chiedono l'individuazione di strumenti giuslavoristici certi, snelli e di immediata applicazione, in grado di rispondere ai mutati scenari di mercato e di supportare l'imprenditoria nello sviluppo tanto del commercio quanto del mantenimento e dell'accrescimento di un'occupazione sana, solida ed altamente specializzata».  
Durante i lavori del Consiglio è emersa, tra le altre, l'esigenza di dover regolamentare ed incentivare nuove figure professionali del settore trasportistico e di tutelarne alcune già esistenti, come quelle degli autisti professionali, che possono rappresentare nuove opportunità occupazionali per le future generazioni. 

«Con oltre 1,390 aziende e più di 152 mila dipendenti diretti ed indiretti, la nostra associazione è estremamente sensibile ai temi del lavoro», commenta il presidente Alis, Guido Grimaldi. «La sintesi del lavoro svolto fino ad oggi dalla Commissione sul CCNL – continua - è stata raccolta in un documento che abbiamo consegnato al sottosegretario Durigon e che si prefigge di rappresentare un supporto alle politiche governative sulle tematiche dell'occupazione delle centinaia di migliaia di persone impiegate nel comparto. Il cluster Alis è chiamato ad affrontare continue sfide, ma anche a cogliere le opportunità derivanti dalla trasformazione del lavoro, dei mutamenti socio-economici e dell'inarrestabile progresso tecnologico».

Tag: alis - occupazione