|
adsp napoli 1
17 maggio 2022, Aggiornato alle 15,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Attese degli autisti, Federtrasporti: "Ci costano tre miliardi all'anno"

Uno studio analizza le fasi di passaggio delle merci dai depositi logistici ai camion (e viceversa)


Un'attesa che costa tre miliardi di euro. È questa infatti la somma astronomica, secondo una stima di Federtrasporti, che graverebbe sulle imprese di autotrasporto italiane a causa dei lunghi tempi di attesa nel passaggio delle merci dai depositi logistici ai camion (e viceversa). Questo dato è stato calcolato sulla base di uno studio di Districò, il database del centro studi della federazione, attraverso rilevazioni effettuate su 82.792 giornate lavorative di operatori delle imprese associate, incrociando le registrazioni dei GPS con quelle dei tachigrafi digitali. 

Lo studio ha rilevato che gli autisti trascorrono al volante solo poco più della metà della loro giornata lavorativa: in media 6,18 ore in un arco d'impegno di 11,28 ore (il 54,9% del tempo). Delle rimanenti 5,10 ore (il 45,1%), se si tolgono i 35 minuti in media dedicati ad altre pause (prevalentemente per mangiare), ne restano 4,35 di attese. E anche se si sottraggono i circa 40-50 minuti per le operazioni di carico e scarico (alle quali spesso finiscono per essere costretti a collaborare, anche se non spetta a loro), il risultato è che circa quattro ore al giorno l'autista le trascorre «girando i pollici» in attesa di poter ripartire per fare il mestiere per cui è pagato: guidare il camion. 

Lo studio di Federtrasporti fa notare che si moltiplicano queste ore di attesa per le 82.792 giornate prese in esame, ciò si traduce in una dispersione di 331.169 ore di lavoro, pari a 42.000 giornate di guida di 8 ore giornaliere. Se si considera che un autista costa all'azienda intorno ai 50.000 euro l'anno, il costo totale di queste attese è valutabile in circa 10 milioni di euro. A questa cifra va poi aggiunto il costo dell'improduttività dei mezzi. Perché un camion è uno strumento produttivo che genera mediamente 140.000 euro di fatturato all'anno. Senza le attese, questo fatturato potrebbe crescere di almeno il 15%. 

Un incremento, sottolinea Federtrasporti, che deriverebbe dalla possibilità di effettuare un secondo viaggio in giornata o di portare a termine il primo. Una criticità tanto più rilevante alla luce della situazione di emergenza che sta vivendo l'autotrasporto, alle prese con una grave carenza di autisti e messo in ginocchio dall'inarrestabile ascesa del prezzo del gasolio. Facendo una stima approssimativa, l'incremento di fatturato che potrebbe produrre l'intero settore dell'autotrasporto, rispetto ai 45 miliardi generati attualmente, si aggira intorno ai 3 miliardi di euro.