|
napoli
22 febbraio 2019, Aggiornato alle 16,38
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat
Personaggi

Assicurazioni, partnership POLIASS-GBSAPRI

Sinergia strategica tra la società napoletana e quella romana


POLIASS, società napoletana di brokeraggio della famiglia Poliseno, e la romana GBSAPRI hanno definito nei giorni scorsi una partnership strategica. Una sinergia che permetterà a Poliass - leader in Italia nel settore trasporti nonché punto di riferimento dell'imprenditoria napoletana - di rafforzare l'hub di Napoli ed espandere il proprio raggio di azione consolidando la presenza sui mercati esteri tramite nuove branch locali e nuove partnership e a GBSAPRI di dare il via al progetto di collocarsi tra i primi broker italiani entro il 2020.

GBSAPRI è frutto dell'unione delle storiche società GBS General Broker Service e Sapri Broker. Conta oltre 100 collaboratori in 15 sedi. Il percorso di crescita di GBSAPRI, come tengono a sottolineare i soci, si basa sulla professionalità, l'etica e l'esperienza dei professionisti coinvolti, che operano all'interno dell'azienda. «GBSAPRI - si legge in una nota - ha riscontrato questi valori nella storia e nella solidità strutturale di POLIASS e della famiglia Poliseno, individuando in essa il partner ideale per la gestione e lo sviluppo dei settori trasporti e industriale».
 
«È un progetto ambizioso – commenta Saverio Poliseno, presidente e fondatore di POLIASS – e siamo certi che la stretta collaborazione con la GBSAPRI sarà un valore aggiunto per la nostra struttura e per tutti i nostri clienti, utilizzando le molteplici sinergie che si verranno a creare nel gruppo». «Con la famiglia Poliseno condividiamo affinità elettive, morali e intellettuali, consolidate durante tutta una vita professionale», conclude Antonio Dinia, partner GBSAPRI e nuovo consigliere POLIASS.
 
La nuova governance aziendale vede Francesco Saverio Poliseno confermato alla presidenza di POLIASS mentre i figli Marco e Andrea diventano vicepresidenti operativi. Entrano nel CdA Antonio Dinia, Marco Lauretti, Carlo Maria Bassi e Federica Spagnoli.