|
Porto di Napoli
24 settembre 2018, Aggiornato alle 13,36
intersped
Informazioni Marittime
Naples Shipping

Archeologia, trovato (forse) l'antico porto di Parthenope

Scoperti vicino al Castel dell'Ovo, a sei metri sotto il mare, un canale, una strada scavata nel banco di tufo e quattro gallerie


Il primo porto greco dell'antica Parthenope sul lungomare di Castel dell'Ovo a Napoli. È quello che potrebbe essere stato scoperto - ma le indagini sono appena all'inizio e la prudenza è d'obbligo - dalle ricerche sottomarine del team guidato da Filippo Avilia, archeologo subacqueo che ritiene probabile l'esistenza appunto di un insediamento portuale dell'antica colonia greca di Palepoli davanti all'isolotto di Megaride. Lo studio è finanziato dall'università Iulm di Milano.


"Nel 2016 cominciammo le immersioni – ha spiegato Avilia - partendo da una comunicazione di tre studiosi cecoslovacchi che nel 1994 parlarono della presenza di gallerie sommerse". Nel corso di una conferenza stampa tenuta al Palazzo Reale, Avilia ha mostrato le foto e i video che mostrano, a partire a sei metri sotto il mare, un canale, una strada scavata nel banco di tufo e quattro gallerie. "Abbiamo trovato – ha aggiunto lo studioso - anche tracce anche di una strada in salita, e un canale lungo 36 metri che è chiaramente una lavorazione antropica, visto il taglio preciso, che potrebbe essere stato un insediamento militare a protezione dell'approdo".