|
adsp napoli 1
16 aprile 2024, Aggiornato alle 15,53
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Anche Interferry propone un marebonus europeo

Torna una proposta che gli operatori marittimi suggeriscono a più riprese. Stavolta lo fa l'associazione internazionale delle compagnie dei traghetti

Christophe Mathieu, CEO di Brittany Ferries e direttore generale di Interferry; Benito Nuñez, ministro dei Trasporti della Spagna; Lorenzo Matacena, presidente della Commissione Cabotaggio di Confitarma (interferry.com)

Interferry, l'associazione internazionale delle compagnie marittime dei traghetti, vorrebbe che il marebonus, l'incentivo italiano per i mezzi pesanti a imbarcarsi sui traghetti in alternativa al viaggio in autostrada, venga esteso in tutta Europa. Il sistema alla base di questo ecobonus marittimo, che l'Europa ha più volte indicato come una best practice, un modello da seguire, è quello di premiare finanziariamente gli autotrasportatori per ogni chilometro di trasporto pesante rimosso dalla strada e trasferito al mare.

La richiesta di Interferry, fatta nei giorni scorsi durante l'European Shipping Summit, a cui hanno partecipato il cluster marittimo di Cipro, Italia, Paesi Bassi e
Spagna, è un'istanza più volte rilanciata negli anni dagli operatori marittimi europei. «In Stati membri come Italia e Spagna vediamo che un sistema di eco-bonus è un mezzo efficace per aumentare la quota di volumi in mare», afferma Christophe Mathieu, amministratore delegato di Brittany Ferries e direttore . «Incentivando i trasportatori a utilizzare rotte marittime a corto raggio - continua - sono in diretta concorrenza con la rete stradale. Il mercato può scegliere la soluzione di trasporto marittimo più praticabile dal punto di vista economico e ambientale, mentre la rete stradale congestionata viene alleggerita e la concorrenza rimane intatta. Chiediamo quindi un sistema paneuropeo di ecobonus per il trasporto marittimo a corto raggio trasporto marittimo, per realizzare la nostra ambizione comune di spostare un maggior numero di trasporti dalla strada al mare in tutta l'Unione europea». 

Interferry rappresenta più di 270 aziende e circa 1,200 persone tra dipendenti e dirigenti, provenienti da oltre 40 paesi.

-
credito immagine in alto

Tag: economia