|
napoli 2
21 settembre 2020, Aggiornato alle 18,35
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Ammoniaca come propellente. Accordo tra MISC, Samsung, Lloyd's Register e MAN

Lavoreranno insieme a un prototipo di nave cisterna alimentata con una promettente alternativa all'idrogeno

La foto di rito dell'accordo tra le parti. Londra, 10 gennaio 2020

Vai a vedere che poi, alla fine, Emanuele Grimaldi aveva ragione, il primo armatore italiano ad aver indicato l'ammoniaca come alternativa all'idrogeno per alimentare i propulsori delle navi. MISC Berhad, Samsung Heavy Industries, Lloyd's Register e MAN Energy Solutions hanno annunciato che lavoreranno insieme su un progetto di sviluppo congiunto per una nave cisterna alimentata ad ammoniaca.

In linea con gli ambiziosi obiettivi dell'International Maritime Organization di dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2050 (rispetto ai livelli del 2008), questa alleanza, si legge in una nota del Lloyd's Register, «è stata motivata dalla convinzione che l'industria marittima ha bisogno di maggior leadership e collaborazione». L'ambizione dell'IMO, secondo il Lloyd's, richiede che le prime navi a zero emissioni inizino a navigare entro il 2030.

L'ammoniaca è più facile da gestire dell'idrogeno. È più densa e a parità di peso contiene più combustibile. Richiede molecole più facilmente reperibili in natura per essere sintetizzata, liquefa in natura a otto atmosfere di pressione (l'idrogeno deve raggiungere i 160 gradi sottozero e richiede più pressione).

L'impegno per la decarbonizzazione caratterizzerà anche il decennio dello shipping. Una delle più recenti iniziative è il Getting to Zero Coalition, un accordo tra circa 70 operatori, tra cui Maersk e Shell, per portare la navigazione a zero emissioni entro i prossimi dieci anni (Informazioni Marittime ne ha parlato qui). L'argomento è stato anche al centro dell'ultimo Global Maritime Forum di Singapore ad ottobre scorso, che ha visto la partecipazione di 220 leader del settore.

I commenti
Yee Yang Chien, CEO di MISC Berhad, ha detto che gli operatori, almeno in questo campo, «non devono essere conflittuali e frammentati. Abbiamo bisogno di esempi più brillanti di partenariati e collaborazioni nel nostro settore ed è mia speranza il nostro incoraggi i nostri colleghi». Joon Ou Nam, presidente e CEO di Samsung Heavy Industries, ha detto che «è di vitale importanza e che le nuove tecnologie per azzerare le emissioni di carbonio, come l'ammoniaca, devono essere messe sul tavolo. Nick Brown, direttore del settore marittimo e offshore del Lloyd's Register, ha detto che le ambizioni dell'IMO «questi sono tempi entusiasmanti. È la quarta rivoluzione della propulsione del settore, che il Lloyd's Register ha supportato tutte: vento, carbone, petrolio e ora la decarbonizzazione». Bjarne Foldager Jensen, Senior Vice President a capo dell'Head of Two Stroke Business presso MAN, ha detto che «i motori diesel a bassa velocità sono il sistema di propulsione più efficiente per la navigazione trans-oceanica e funzionano già con un numero considerevole di carburanti. Non vediamo l'ora di aggiungere anche l'ammoniaca».

Tag: ambiente - grimaldi - zolfo - imo