|
adsp napoli 1
24 maggio 2024, Aggiornato alle 11,47
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Logistica

Agroalimentare a Bari e Brindisi, autorità portuale avvia Conferenza dei Servizi

Entro maggio i pareri degli enti locali sul progetto di riqualificazione degli spazi in vista di una nuova organizzazione logistica


Passi avanti per strutturare nei porti di Bari e Brindisi un polo della logistica e dell'agroalimentare. Nei giorni scorsi l'Autorità di sistema portuale dell'Adriatico Meridionale ha indetto una Conferenza di Servizi asincrona per l'acquisizione dei pareri propedeutici all'approvazione del progetto di adeguamento infrastrutturale nei due portiper il miglioramento della capacità logistica, agroalimentare e per l'ottenimento dell'Autorizzazione unica ZES. 

Le determinazioni delle amministrazioni coinvolte dovranno giungere entro il prossimo 17 maggio. Qualora la Conferenza di Servizi non dovesse risultare risolutiva, l'eventuale riunione si terrà presso la sede di Bari dell'Autorità di sistema portuale o in modalità on line il 22 maggio prossimo.

Il progetto realizzato dall'Ente portuale mira a rendere maggiormente funzionali spazi e strutture di propria pertinenza. In particolare, nel porto di Brindisi è stata progettata la rifunzionalizzazione di spazi all'interno del "Terminal Brindisi", di proprietà dell'Autorità di sistema portuale, struttura all'interno della quale saranno introdotte specifiche caratteristiche e servizi volti a migliorare la logistica agroalimentare. Il terminal, inoltre, sarà sottoposto ad una serie interventi di miglioramento funzionale, formale ed energetico.

Il progetto prevede, inoltre, la realizzazione, nei porti di Brindisi e di Bari, di aree di sosta attrezzate con servizi specifici in favore dell'agroalimentare, con particolare riferimento alle esigenze dei mezzi di trasporto refrigerati. Il tutto ad impatto zero sull'ambiente. Il progetto, infatti, prevede che tutte le esigenze energetiche legate all'intera iniziativa vengano soddisfatte mediante l'installazione di impianti di generazione da fonte rinnovabile.

Nello specifico, nel porto di Brindisi, in prossimità del varco portuale di Costa Morena Ovest, in una zona adibita a sosta e attesa, saranno attrezzati 20 stalli dedicati a container e mezzi adibiti al trasporto refrigerato di merci legate all'agroalimentare, (il piano seminterrato del terminal  sarà attrezzato a magazzino con celle frigorifere per le merci agroalimentari).

Nel porto di Bari, invece, in un'area destinata attualmente alla sosta per autoarticolati, in via iniziale, saranno attrezzati 15 stalli. Le colonnine, dal funzionamento indipendente rispetto alla realizzazione dei progetti, verranno utilizzate per l'alimentazione degli impianti dei veicoli a temperatura controllata, a supporto appunto della logistica dell'agroalimentare.

«La nostra priorità era rivitalizzare due settori cruciali dell'economia: l'agricoltura e la pesca- commenta il presidente di Autorità di sistema portuale, Ugo Patroni Griffi - affinché con il giusto sostegno possano agire da propulsori per il rilancio socio-economico del territorio. Abbiamo concepito, inoltre, una serie di agevolazioni gratuite, destinate agli operatori, in termini di disponibilità di infrastrutture e di servizi energetici e telematici. Azioni mirate,- conclude il Presidente, tutte improntate ad un profondo rispetto per l'ambiente. Oltre ai vantaggi derivanti dall'utilizzo di risorse rinnovabili per l'approvvigionamento energetico dei servizi, infatti, prevediamo un significativo impatto positivo derivante sia dall'ottimizzazione logistica, che comporterà una notevole riduzione dei tempi di attesa dei mezzi e, di conseguenza, delle emissioni; sia dall'implementazione degli stalli organizzati, con conseguente disattivazione dei motori endotermici utilizzati per i mezzi refrigerati».

In sintesi gli interventi che riguardano nel complesso tutto il progetto sono riconducibili a tre tipologie di attività strettamente interconnesse e complementari per il raggiungimento degli obiettivi:
•    rifunzionalizzazione degli spazi interni ed esterni di un terminal di proprietà dell'Ente, nel porto di Brindisi, finalizzata all'introduzione di specifiche funzionalità al servizio della logistica agroalimentare, tramite interventi volti all'efficientamento della struttura in termini funzionali, formali ed energetici; realizzazione di aree di sosta attrezzate nei porti di Brindisi e di Bari per l'erogazione di servizi in favore dell'agroalimentare, con particolare riferimento alle esigenze dei mezzi di trasporto refrigerati (Lotto I- Conferenza di Servizi in atto);
•    al fine di garantire la gratuità dei servizi e limitare l'impatto energetico e quindi ambientale degli stessi, installazione di impianti di generazione da fonte rinnovabile asserviti all'alimentazione delle infrastrutture che saranno realizzate (Lotto II) ;
•    definizione e implementazione di servizi basati su sistemi informativi e informatici a supporto della logistica, con specifico riferimento all'agroalimentare (Lotto III).

Il progetto è finanziato per oltre 6 milioni di euro nell'ambito dell' Investimento 2.1 del PNRR, finanziato dall'Unione Europea– Sviluppo logistica per i settori agroalimentare, pesca e acquacoltura, silvicoltura, floricoltura e vivaismo del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per Decreto Direttoriale di assegnazione delle risorse da parte del Ministero dell'agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste.

Tag: bari