|
Porto di Napoli
14 dicembre 2018, Aggiornato alle 15,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Logistica

10 terminal container crescono nel fatturato. Ma non nel traffico

Nel 2017 male Cagliari, Livorno, Gioia Tauro e Venezia; bene Trieste, La Spezia e Genova. L'analisi di Fedespedi


In Italia 10 terminal container, pari a tre quarti del traffico complessivo, nel 2017 hanno movimentato 7,8 milioni di teu e fatturato 625 milioni di euro, con un valore aggiunto di 366 milioni e un risultato finale di 81 milioni, pari al 12,9 per cento del fatturato. Cala il traffico rispetto al 2016 (-2,1%) ma cresce il fatturato complessivo (+5,2%).

Sono dati resi noti da Fedespedi che ha analizzato una buona fetta di questo comparto dello shipping italiano nel report "I terminal container in Italia: un'analisi economico-finanziaria". Sono 81 le gru di banchina che hanno movimentato questo traffico. Cagliari, Livorno, Gioia Tauro e Venezia sono stati quelli con la performance peggiore; Trieste, La Spezia e Genova i migliori.

Per il presidente Fedespedi, Roberto Alberti, è la conferma che «quello dei terminal container è un asset sempre più strategico per la logistica del nostro Paese. Per questo è importante evitare che in questo settore continuino processi di concentrazione, già in atto, che possano portare a situazioni simili a quella che oggi abbiamo nel settore armatoriale del trasporto contenitori, recentemente denunciata dall'OCSE. I terminal container rappresentano un elemento importante per la catena logistica e per la nostra capacità di essere competitivi e le grandi concentrazioni, a livello italiano o europeo, porterebbero solo squilibri e un danno economico rilevante per i nostri operatori, sia nel settore logistico che in quello industriale». 

Tag: container