|
napoli 2
20 novembre 2019, Aggiornato alle 16,04
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Logistica

Venezia-Duisburg col treno, al via linea Grimaldi-Rail Cargo-SamSkip

Dal terminal di Fusina, tre partenze alla settimana per poco più di un giorno di viaggio


Tre collegamenti a settimana tra il porto di Venezia e l'interporto di Duisburg, via Tarvisio, per poco più di un giorno di viaggio. È stato presentato martedì, al terminal di Fusina, il nuovo servizio ferroviario che verrà gestito da Rail Cargo Group insieme a Grimaldi Lines, la società logistica SamSkip e l'autorità di sistema portuale dell'Adriatico settentrionale.

Partirà tra qualche settimana, dopo una fase di studio di due anni, con le merci che verranno caricate su un convoglio Vectron E 193.

«Quello che compiamo oggi è un ulteriore passo avanti nella connettività del nostro porto con il resto del mondo e il resto dell'Europa», ha commentato il presidente del porto di Venezia, Pino Musolino. 

«Oggi c'è un surplus di treni che arrivano a Verona e Trieste, creando congestione. Venezia può essere la soluzione giusta», ha detto Nunzio Savarese, responsabile delle linee Grimaldi per l'Adriatico. «Per noi – continua – Marghera è un hub geografico strategico naturale. Qui abbiamo le due navi ammiraglie ro-ro, da 250 rimorchi, e le due ammiraglie ro-pax. E speriamo che almeno due delle dodici nuove navi da 515 rimorchi su cui abbiamo puntato i nostri maggiori investimenti, e che faranno partire dal 2020 una vera rivoluzione, possano operare su questo scalo».

«Noi – conclude Musolino - lavoriamo per completare ed aumentare l'offerta e non è un caso che stiamo collaborando anche con gli interporti di Verona e Padova, nell'ottica dell'intermodalità. Con questo collegamento diventiamo ancor di più punto di riferimento per la Germania del Sud, vista la possibilità di essere collegati in 29 ore con il più grande interporto del mondo, e questo ci permette di creare valore aggiunto rispetto alla merce in transito, che è il compito che hanno oggi i porti».