|
napoli 2
24 settembre 2020, Aggiornato alle 15,57
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Utile in forte crescita per Minoan

Con la riorganizzazione di flotta e servizi il primo semestre ha segnato un "incasso" di 12,2 milioni. In calo i passeggeri tra Grecia e Italia


Nei primi sei mesi di quest'anno il bilancio della compagnia greca Minoan Lines, di proprietà del gruppo Grimaldi, è in crescita sostanziale. Tra gennaio e giugno l'utile netto è stato di 12,2 milioni di euro, in crescita del 109 per cento (primo semestre 2015: 5,8 milioni). Il risultato, spiega la compagnia, è dovuto a una riorganizzazione della flotta e delle rotte, nonché a una diminuzione del costo del carburante. Nel bilancio infatti rientra anche la vendita del traghetto Ikarus Palace per 3,5 milioni. L'ebitda è stato di 72,4 milioni, i costi sono calati del 15 per cento a 51,6 milioni e i ricavi consolidati sono in flessione dell'8 per cento a 72,4 milioni.
 
Per quanto riguarda il traffico, sulla rotta Grecia-Italia (Patrasso, Igoumenitsa, Ancona, Trieste) sono stati trasportati 126mila passeggeri, in calo di 22mila unità, 32mila vetture (33mila nel primo semestre 2015) e 47mila unità di carico (41mila). La rotta greca (Heraklion-Pireo) ha invece movimentato 271mila passeggeri (308mila), 31mila auto (32mila) e 31mila unità di carico (29mila).