|
adsp napoli 1
03 ottobre 2022, Aggiornato alle 18,36
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Un miliardo per le strade provinciali dell'Italia

995 milioni in quattro anni. Li stanzia il ministero dei Trasporti. Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Campania e Sicilia tra i maggiori beneficiari

La SP 136 tra Castelluccio, in provincia di Perugia, e Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata

Un miliardo per ammodernare o ristrutturare le strade provinciali del paese, distribuiti in 17 regioni, con Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Campania e Sicilia tra i maggiori beneficiari. Li stanzia il ministero dei Trasporti, con un annuncio del viceministro, Giancarlo Cancellieri. 

Rientrano nel Fondo manutenzione strade e sono pari, per la precisione, a 995 milioni di euro spalmati in quattro anni, dal 2020 al 2024, così suddivisi:

• 60 milioni quest'anno;
• 110 milioni nel 2021;
• 275 milioni per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024.

La ripartizione regionale è la seguente, in ordine di risorse:

1. Lombardia: 114 milioni
2. Emilia Romagna: 99 milioni
3. Toscana: 88 milioni
4. Sicilia: 88 milioni
5. Piemonte: 82 milioni
6. Veneto: 69 milioni
7. Campania: 80 milioni
8. Puglia: 63 milioni
9. Lazio: 52 milioni
10. Calabria: 47 milioni
11. Sardegna: 37 milioni
12. Marche: 36 milioni
13. Abruzzo: 36 milioni
14. Liguria: 29 milioni
15. Basilicata: 22 milioni
16. Umbria: 20 milioni
17. Molise: 12 milioni

«Tra i parametri presi in considerazione nella ripartizione delle cifre stanziate - spiega Cancelleri -  sono state considerate sia la consistenza della rete viaria, sia il tasso di incidentalità che la vulnerabilità rispetto a fenomeni di dissesto idrogeologico». «Gli interventi previsti e ripartiti per Province e Città metropolitane - conclude il viceministro -  rispondono alle esigenze di sicurezza stradale dei cittadini, al fine di ridurre l'incidentalità e consentire il diritto alla mobilità in tutte le aree del Paese. Avere a disposizione la certezza di nuove risorse per i prossimi quattro anni consente agli enti locali di avviare subito interventi urgenti e di definire un'adeguata programmazione di altri più profondi interventi per gli anni successivi. Un segnale forte e doveroso per tante regioni, questa è l'Italia che vuole ripartire e recuperare il pesante gap infrastrutturale con il resto d'Europa. Il nostro Paese merita strade sicure e moderne». 

-
credito immagine in alto