|
napoli 2
04 dicembre 2020, Aggiornato alle 21,47
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Taranto affida a Global Ports Holding la gestione dei crocieristi

Comitato di gestione delibera a favore di una concessione demaniale di vent'anni sul molo San Cataldo, dov'è in costruzione la stazione marittima "Falanto"

L'inaugurazione della testata del molo San Cataldo da parte del ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, 1 settembre 2020 (Adsp del Mar Ionio)

Il porto di Taranto affida a Global Ports Holding la gestione dei crocieristi. Oggi il Comitato di gestione ha deliberato a favore della domanda di concessione di vent'anni per l'affidamento dei servizi di imbarco, sbarco e transito nello scalo pugliese a due controllate dal grande gruppo terminalistico russo - Port Operation Holding e Global Ports Melita – il quale gestisce 19 terminal portuali nel mondo, di cui quattro in Italia, a Venezia, Ravenna, Cagliari e Catania.

La concessione per Taranto, spiega ina una nota Sergio Prete, presidente dell'Autorità di sistema portuale (Adsp) del Mar Ionio, riguarda l'occupazione e l'uso di aree e beni demaniali insistenti sul molo San Cataldo. In particolare, saranno installate strutture prefabbricate provvisorie in attesa che l'edificio polifunzionale attualmente in costruzione chiamato "Falanto" venga completato e reso utilizzabile.

Nella proposta fatta all'Adsp che fa capo a Taranto, Port Operation Holding e Global Ports Melita si impegnano a costituire una società di capitali con sede a Taranto, in forma di società per azioni o a responsabilità limitata. L'obiettivo è trasformare lo scalo da polo di transito crocieristico in homeport. Bisognerà quindi avviare prima di tutto la stazione marittima "Falanto", aumentare gli approdi, firmare accordi con le compagnie crocieristiche, incrementando infine nel tempo i turisti di ritorno, quelli che arrivano prima in crociera e poi ritornano in autonomia pernottando e consumando maggiormente sul territorio.

«L'ingresso del porto di Taranto nel network internazionale dei Cruise Terminal gestiti da Global Ports Holding – commenta Prete – costituisce una significativa opportunità per lo sviluppo del traffico crocieristico nello scalo jonico soprattutto in questo momento storico piuttosto critico per il settore del turismo marittimo».

-
credito immagine in alto

Tag: taranto - crociere