|
Porto di Napoli
17 ottobre 2018, Aggiornato alle 17,08
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori

Spagna, stabilito il valore degli indennizzi per l'affondamento della Prestige

La petroliera si inabissò nel 2002 al largo di capo Finisterre causando gravi danni ambientali


Ben quindici anni dopo l'affondamento della petroliera Prestige, avvenuto alla fine del 2002 al largo di capo Finisterre in Spagna, la Corte provinciale de La Coruña ha finalmente stabilito una volta per tutte il valore degli indennizzi per i danni causati dall'incidente che ha causato un consistente sversamento di idrocarburi nelle acque della Galizia.

Le cifre
L'organo giudiziario ha stabilito che lo Stato iberico dovrà essere indennizzato con una cifra pari a 1.573 milioni di euro, di cui 931 milioni per il danno patrimoniale accreditato a cui si somma il 30% del valore - ovvero 279 milioni di euro - per i danni ambientali nonché il 30% della somma di queste prime due cifre - ovvero ulteriori 393 milioni di euro - per i danni morali. Alla Giunta della Galizia dovranno andare 1,8 milioni di euro, alla Francia 61 milioni di euro ed altre somme inferiori dovranno essere versate alle amministrazioni locali e a privati.

Chi paga?
Gli indennizzi dovranno essere pagati dalle parti ritenute responsabili dell'incidente. Tra queste il comandante della nave, Apostolos Ioanni Mangouras, e la compagnia assicurativa The London Steamship Owners Mutual Insurance Association, almeno sino ad un limite di un miliardo di dollari. In subordine gli indennizzi dovranno essere versati dalla Mare Shipping Inc., proprietaria della nave. Inoltre l'International Oil Pollution Compensation Funds (IOPC) è stato chiamato a pagare un risarcimento nei limiti stabiliti dalle convenzioni applicabili.