|
adsp napoli 1
21 maggio 2024, Aggiornato alle 12,55
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

Sistema portuale Bari approva bilancio di previsione

Comitato di gestione approva anche il Piano triennale delle opere e il Piano dei servizi e forniture. Il lungo elenco di tutte le opere programmate

Il porto di Bari

Il Comitato di gestione dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale (AdSPMAM) ha approvato all'unanimità il Bilancio di previsione 2024, il Piano Triennale delle Opere e il Piano dei Servizi e Forniture. I documenti programmatici varati dall'Organo deliberante dell'Ente presentano un quadro economico totale di circa 800 milioni di euro di risorse complessivamente mobilitate per investimenti e opere in corso o programmate per l'immediato futuro che consentiranno di completare l'infrastrutturazione, strutturale e tecnologica, e migliorare l'interazione porto-città, nei sei scali del Sistema. 

Lo sforzo complessivo per gli investimenti, per il solo 2024, ammonta a circa 110 milioni di euro; 123 milioni per il 2025, 18 milioni per il 2026 per un totale complessivo di oltre 240 milioni di euro di investimenti programmati, a cui si sommano 290 milioni di euro per lavori in corso di svolgimento o in via di assegnazione; 53 milioni per i lavori in corso a Marisabella (appalto del Provveditorato e quindi estranei al presente bilancio); 210 milioni per la camionale (appalto della Città metropolitana alla quale l'Autorità di Sistema trasferirà 82 milioni provenienti da finanziamenti dello Stato segnati direttamente all'Ente) per un totale complessivo di circa euro 800 milioni. 

L'Esercizio finanziario stima, secondo le attuali previsioni, entrate correnti che sfiorano i 29 milioni di euro milioni di euro, a fronte di spese correnti per circa 27 milioni di euro, con un conseguente saldo attivo di parte corrente di oltre 1,5 milioni di euro, a riprova della capacità gestionale dell'Amministrazione. 

Nella previsione generale vi sono, inoltre, entrate complessive per quasi 190 milioni di euro e uscite complessive per quasi 240 milioni di euro. Il disavanzo finanziario di parte in conto capitale ammonta ad oltre 50 milioni di euro e trova copertura con l'applicazione dell'avanzo di amministrazione presunto, a riprova del grande sforzo negli investimenti infrastrutturali effettuato dall'Amministrazione.

Parte significativa del Bilancio è indirizzata alle opere pubbliche programmate e agli interventi in fase di aggiudicazione o di esecuzione, finalizzati ad assicurare, in tempi non particolarmente lunghi, ai sei porti del Sistema, un'adeguatezza dinamica dei traffici marittimi conforme alle esigenze rappresentate dagli operatori; nuovi spazi al servizio dei traffici merci e implementazione delle tecnologie per il miglioramento dell'interoperabilità con il sistema logistico regionale, nazionale e globale. In particolare, per quanto attiene lo sviluppo tecnologico, nel Bilancio di previsione 2024 si conferma lo stanziamento -nel triennio – di quasi 5 milioni di euro per l'evoluzione, per tutti i porti del Sistema, del "Port Community System Gaia" che consentirà di raggiungere una completa e innovativa digitalizzazione di tutte le attività ammnistrative riguardanti la movimentazione delle navi, delle merci, dei servizi e delle persone, nei rispettivi ambiti portuali. 

Di seguito, una sintesi, per ciascun porto, degli interventi infrastrutturali programmati per il 2024, selezionati in relazione alle disponibilità finanziarie e alle priorità degli interventi ritenuti maggiormente strategici, più produttivi e prioritari sul piano della operatività ed efficienza nelle operazioni portuali. 

Porto di Bari
Progetto San Cataldo, a seguito degli accordi stipulati con il Comando Generale delle Capitanerie di porto, è stato tracciato l'iter per la realizzazione di una infrastruttura all'interno del molo san Cataldo atta ad ospitare nuovi accosti per i pattugliatori della Guardia costiera ed edifici per servizi tecnici e alloggi. L'intervento consentirà di realizzare un approdo turistico e un approdo per mega yacht. Gli accordi prevedono un finanziamento complessivo fino a 36 milioni di euro in favore dell'Autorità portuale. A seguito del parere favorevole sulla variante localizzata al vigente Piano Regolatore Portuale da parte del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici e la definizione della VAS (Valutazione Ambientale Strategica) è stata avviata la progettazione definitiva delle opere a mare che potrebbero essere appaltate nel 2024; si sta concludendo,inoltre, la Conferenza di Servizi (CdS) per l'approvazione del progetto relativo alle opere a mare che consentirà, dopo la verifica del progetto, di avviare nei primi mesi del 2024 l'appalto integrato dell'opera. Nel bilancio di previsione, l'annualità 2024 è di 10 milioni di euro su un programma complessivo di 36 milioni.

Riconfigurazione della viabilità portuale (quadro economico 4,3 milioni). È in corso di avvio la CdS per l'approvazione del progetto di riordino della viabilità nella Darsena di Levante del porto di Bari.
Lavori di riqualificazione delle strutture di accoglienza passeggeri sul piazzale Marisabella, 700.000 euro 
Recupero e consolidamento strutturale della banchina n. 7 del porto di Bari– 900.000 euro.

Porto di Brindisi
Accosti di S.Apollinare per un totale di 35,5 milioni di euro. In considerazione del fatto che è iniziata la realizzazione della vasca di colmata e nel corso del 2025 sarà possibile l'avvio dell'escavo, è ora concretamente vicina la possibilità di mettere in esecuzione tale intervento che per il territorio di Brindisi risulta quello di maggiore spessore strategico. Attualmente, si stanno revisionando gli elaborati progettuali al fine di avviare, entro il 2023, la CdS conclusiva e porre le condizioni per l'inizio della procedura di aggiudicazione dei lavori entro il 2024 .

Lavori di manutenzione e ammodernamento delle infrastrutture della base della Marina Militare di Brindisi, quadro economico 16 milioni di euro. Non appena si completerà la fase di revisione del progetto definitivo, di concerto con gli uffici tecnici della Marina Militare, sarà possibile avviare la procedura di affidamento dei lavori nei primi mesi del 2024.

Ristrutturazione e adeguamento della sicurezza per il Terminal Brindisi (2,5 milioni di euro). La progettazione è in corso.
Riqualificazione dell'area adiacente il varco Costa Morena Ovest, previa demolizione delle strutture esistenti (importo 500.000 euro). Risulta di prioritaria importanza una sistemazione organica delle aree di afflusso dei viaggiatori all'altezza del varco Costa Morena Ovest che assicuri un soddisfacente livello di accoglienza e di erogazione dei servizi essenziali, un parcheggio ordinato e un efficiente incolonnamento dei mezzi in attesa di imbarco.
Pulizia e manutenzione dei fondali del Seno di Levante e Costa Morena est (1,5 milioni di euro) e contestuale colmamento della vasca di Costa Morena Est per consentire piena agibilità dei piazzali e dell'intera area.

Porti di Bari e Brindisi
Lavori realizzazione dei sistemi di cold ironing, importo complessivo 25 milioni, integralmente finanziati dai fondi PAC; dopo inaspettate difficoltà in ordine all'approvazione del progetto durante la CdS in merito alle tettoie fotovoltaiche, insorte per prese di posizione dei Comuni sul piano paesaggistico, l'Ente auspica che grazie all'intervento e al sostegno della Regione Puglia si possa pervenire alla conclusione favorevole dell'iter. Dopo la validazione del progetto, nei primi mesi del 2024, sarà possibile procedere all'affidamento dei lavori.

Porto di Barletta
Prolungamento di entrambi i moli foranei, secondo le previsioni del Piano Regolatore Portuale vigente. L'intervento beneficia di un finanziamento statale di circa 25 milioni. Dopo aver acquisito la dichiarazione di non assoggettabilità a VIA dal Ministero della Transizione ecologica (MITE) si è in attesa di validazione del progetto e soprattutto del finanziamento integrativo inquanto, a causa dell'attuale caro-materiali, il quadro economico è lievitato a 36 milioni di euro.
Restauro e consolidamento strutturale faro Napoleonico ( 1,2 milioni ). Si sta procedendo alla messa in sicurezza della storica struttura. Non appena definita la progettazione d'intesa con la Soprintendenza, si procederà con la fase esecutiva .
 Ristrutturazione e adeguamento del varco di accesso all'area portuale (importo 400.000 euro) Non appena si definirà la disponibilità dell'area comunale, a ridosso del varco, l'intervento potrà essere attuato.

Porto di Monopoli
Realizzazione del piazzale di sosta per gli autoarticolati sul Molo di Tramontana ( 600.000 euro).
Intervento di escavo previsto per la seconda annualità (5 milioni di euro) 
Intervento di ripristino della pavimentazione del Molo di Tramontana (1,5milioni).

Per i porti di Termoli e di Manfredonia, nel corso del 2023, sono state poste le premesse per la rapida attuazione di importanti interventi, alcuni dei quali sono in corso di esecuzione o di aggiudicazione e che pertanto non figurano più nel programma triennale, dal momento che risultano già finanziati in precedenti esercizi finanziari. Nello specifico: 

Porto di Termoli
Intervento per la realizzazione dell'impianto di "cold ironing" e di elettrificazione di tutte le banchine (finanziamento PNRR di 6 milioni di euro). È in corso la fase di selezione delle imprese che consentirà l'aggiudicazione entro l'anno corrente. 

Porto di Manfredonia
Rifunzionalizzazione del Bacino Alto Fondali (BAF), importo complessivo 121 milioni, integralmente coperto dal PNRR (80 milioni) e dal fondo ZES Recovery Fund (41 milioni). Dopo l'articolata fase di completamento e di approvazione del progetto, è attualmente in corso una gara di appalto integrato per l'affidamento dei lavori che dovrà avvenire entro il mese di dicembre 2023, così da consentire l'avvio della fase esecutiva nel 2024.
Nel 2023, inoltre, sono state avviate numerose opere nei porti del Sistema. Tra le più imponenti: 

Porto di Brindisi
Opere di completamento dell'infrastrutturazione portuale mediante banchinamento e realizzazione della retrostante vasca di colmata tra il pontile petrolchimico e Costa Morena est (I lotto 39 milioni, II lotto 19 milioni ). L'opera è totalmente finanziata dal Programma di interventi complementari al PNRR, come da decreto MIMS (Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili). A seguito della complessa fase di approvazione e di aggiudicazione, l'appaltatore sta effettuando le opere preliminari di cantierizzazione del primo lotto; per il secondo lotto, invece, è iniziata la nuova caratterizzazione a seguito della selezione delle imprese invitate.
Banchinamento e recupero funzionale dei piazzali della colmata di Capobianco (ex British gas, intervento già finanziato dal Recovery Fund per 30 milioni, per i quali è stata ottenuta la qualifica di Zona Franca). È in corso la gara per l'affidamento dell'appalto integrato complesso; sono state avviate le procedure per un finanziamento supplementare dell'opera che al momento ha un quadro economico complessivo di 65 milioni.

Porto di Bari
Rimodellamento dei fondali e spostamento sedimenti (importo complessivo 3,5 milioni di euro). Completate le azioni propedeutiche (bonifica dagli ordigni bellici e monitoraggio ambientale ante operam) si sta ora procedendo alla rimozione dei massi rinvenuti sul fondale. Entro l'anno, sarà possibile avviare l'intervento vero e proprio di spostamento dei sedimenti. È da sottolineare che l'intervento è caratterizzato dall'adozione di tutte le misure e delle migliori modalità tecniche di cui al momento la tecnologia dispone per la movimentazione complessiva di oltre 100.00 mc, al fine si assicurare la massima tutela ambientale. Con la realizzazione dei lavori si potrà disporre entro l'estate del 2024 del canale di accesso e di buona parte delle banchine commerciali della darsena di Levante con fondale a meno 13 metri.
Gli interventi sono stati integralmente finanziati dal Fondo PAC, asse digitalizzazione, complementare al Programma Operativo Nazionale Infrastrutture e Reti 2014-2020. 

"Al termine del triennio consegneremo alla storia sei nuovi scali: avveniristici, infrastrutturati e competitivi- commenta il presidente di AdSPMAM Ugo Patroni Griffi. I dati dei traffici dimostrano che il Sistema è sano e super-attivo. Quest'anno abbiamo registrato più di 3.715 accosti e più di 13 milioni di tonnellate di merce movimentata, una crescita continua e costante che ci indica che la strada intrapresa è sicuramente valida. Siamo pronti a realizzare nuove strutture, materiali e immateriali , quindi tecnologiche, per far crescere l'appeal dei nostri scali in totale sicurezza per la navigazione, per le operazioni portuali e per l'ambiente, con interventi mirati alla riduzione delle immissioni inquinanti, al risparmio energetico, alla riduzione del rumore, al miglioramento della qualità dell'aria e della sostenibilità complessiva". 
"L'Ente sta compiendo uno sforzo senza precedenti per portare a completamento le progettazioni e avviare le procedure di affidamento e di esecuzione dei lavori- commenta il segretario generale dell'Ente Tito Vespasiani- un'impresa imponente per la quantità, lo spessore e la complessità di tutte le operazioni sia di progettazione sia degli iter procedimentali. Si tratta di interventi invocati da tempo dalle nostre comunità portuali che finalmente vedranno la luce nell'immediato futuro". 
Sia in sede di parere dell'Organismo di Partenariato della Risorsa Mare (l'organismo di confronto partenariale, composto dalle varie categorie economiche che gravitano nei porti del Sistema), sia in sede di approvazione del Comitato di Gestione i documenti programmatici hanno ottenuto consenso unanime. In entrambe le sedi, inoltre, i componenti, hanno espresso grande apprezzamento per l'attività amministrativa dell'Ente.

Tag: bari