|
napoli 2
28 ottobre 2021, Aggiornato alle 14,00
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Sistema porti Palermo verso il Documento di pianificazione strategica

Il complesso piano regolatore è stato inviato al Comune di Termini Imerese per l'approvazione

Il porto di Termini Imerese (livesicilia.it)

L'Autorità di sistema portuale della Sicilia Occidentale (Palermo, Termini Imerese, Trapani e Porto Empedocle) nei giorni scorsi ha consegnato al Comune di Termini Imerese il Documento di pianificazione strategica di sistema (DPSS).

Adesso, seguendo l'iter tracciato dalla normativa che lo disciplina, spetterà al Consiglio Comunale, quale massimo consesso rappresentativo della cittadinanza, esprimere le proprie valutazioni sullo schema di DPSS appena trasmesso, in particolare il suo impatto tra la città e il porto.

«Il documento – spiega il presidente dell'autorità portuale, Pasqualino Monti - contiene un progetto che cambia il volto del porto di Termini Imerese e ricuce l'atavica ferita tra porto e città, puntando molto più che sul potenziamento commerciale, sulla riqualificazione e sulla rigenerazione urbana, necessarie allo sviluppo della città-porto di Termini, porta d'ingresso da mare delle Madonie. Il "nuovo" scalo è stato ridisegnato con impegno e dedizione e sempre con impegno e dedizione, uniti a velocità e serietà, l'AdSP è pronta a realizzarlo come sta facendo negli altri scali di competenza».

Il DPSS è molto complesso da approvare, sia per la miriade di enti che ne richiedono la consultazione o l'approvazione, che per la quantità di cose contenute. Principalmente, attua li piano regolatore portuale di sistema includendo i piani regolatori dei singoli scali. Richiede il parere favorevole di tutti gli enti locali: Regione, Comuni interessati e Città Metropolitana (se presente), e il parere della Conferenza dei presidenti delle Autorità di sistema portuale presso il ministero dei Trasporti. Il DPSS delimita le aree portuali e quelle di interazione porto-città, individuando gli indirizzi per la redazione dei successivi piani regolatori portuali. In poche parole, dal 2016, anno dell'ultima riforma portuale, che ha accorpato tra l'altro le autorità portuali nelle autorità di sistema portuale, è la cornice amministrativa necessaria per programmare lo sviluppo infrastrutturale.

-
credito immagine in alto

Tag: palermo