|
adsp napoli 1
24 maggio 2024, Aggiornato alle 11,47
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

Porto di Venezia, partono i lavori per il terminal container di Montesyndial

Consegnato il primo stralcio da 190 milioni per costruire piazzali e un fronte banchina da 1,6 chilometri. A pieno regime dovrebbe movimentare un milione di TEU


Prendono il via i lavori di realizzazione del nuovo terminal container del porto di Venezia, a Porto Marghera, nell'area Montesyndial. Si tratta del primo stralcio, approvato dall'Autorità di sistema portuale (Adsp) dell'Adriatico Settentrionale, del valore complessivo di 189 milioni. La consegna delle aree è stata infatti effettuata nei giorni scorsi dall'Adsp alla cordata d'imprese composta da Fincantieri Infrastructure Opere Marittime, in qualità di mandataria con una quota pari al 41,56 per cento, Trevi (22,02%), C.G.X. Costruzioni Generali Xodo (21,92%) e Zeta (14,50%).

Le aziende procederanno ora a infrastrutturare una superficie di circa 8,5 ettari, realizzando la banchina, il piazzale retrostante (quay area e hatch area) entro i primi 50 metri e portando a termine gli escavi del Canale Industriale Ovest fino alla quota di -12 metri prevista dal Piano Regolatore Portuale e dal progetto, con un arretramento di 35 metri dell'attuale sponda del canale per ottenere una larghezza finale dello stesso di 190 metri.

Nato come componente onshore di un progetto più vasto che prevedeva anche un terminal offshore, il terminal container di Montesyndial è ora un progetto completamente autonomo e affidato alla gestione commissariale. L'area industriale dismessa ha una superficie totale di 90 ettari con un fronte di banchina continuo di circa 1,600 metri che potrà ospitare navi di classe Panamax, consentendo un traffico annuo fino a 1 milione di teu. Il progetto – che ha seguito un lungo iter procedurale e autorizzativo al termine del quale sono state conseguite tutte le autorizzazioni necessarie, tra cui i pareri di Valutazione dell'Impatto Ambientale e relativa verifica di ottemperanza – è suddiviso in tre stralci. Oltre al primo stralcio, interessato dai lavori che partiranno nei prossimi giorni, si prevede di realizzare un secondo stralcio caratterizzato da una piattaforma intermodale dotata di doppio fascio ferroviario che collegherà l'infrastruttura alla rete ferroviaria nazionale e un terzo stralcio comprendente zone di stoccaggio dei container, viabilità e impiantistica di servizio.

Il quadro economico complessivo, rivalutato in base all'aggiornamento del progetto di fattibilità tecnico-economica e ai prezziari attuali, ammonta a 428 milioni di euro, attualmente finanziati in misura parziale.

«Crediamo fermamente nel progetto del nuovo terminal di Montesyndial per il quale l'Autorità e la struttura commissariale hanno stanziato più risorse che per qualsiasi altra infrastruttura realizzata finora nei porti lagunari», commenta Fulvio Lino Di Blasio, Commissario Montesyndial e presidente dell'Autorità di sistema portuale. «Stiamo valorizzando un brownfield, ossia un'enorme area industriale dismessa che, bonificata e infrastrutturata, tornerà a creare valore e occupazione. Un hub intermodale capace di gestire fino a 1 milione di teu moltiplicando gli attuali traffici di contenitori pieni, settore ad alto valore aggiunto destinato a servire in particolare il tessuto produttivo veneto e del nordest, e che potrà attrarre investimenti da parte di operatori, sia tra quelli storicamente insediati a Venezia sia tra nuovi soggetti internazionali. La realizzazione della nuova infrastruttura posta nell'area sud di Porto Marghera – conclude il commissario – si inserisce anche nella strategia trasformativa del porto che mira a rigenerare terreni dismessi e inquinati, riducendo nel contempo al minimo le interferenze tra aree logistico-produttive e aree commerciali e residenziali».

«Siamo onorati di partecipare alla realizzazione di un'opera così importante e strategica per la riqualificazione di un'area che grazie a questa infrastruttura e alle attività di sviluppo commerciale previste concorrerà all'ulteriore crescita di Porto Marghera», commenta a nome del consorzio di imprese che si occuperà dei lavori l'amministratore delegato di Fincantieri Infrastructure Opere Marittime, Giorgio Bellipanni. «Metteremo a disposizione della struttura commissariale e dell'Autorità Portuale l'esperienza e tutto il know how del raggruppamento nella realizzazione di opere complesse, certi di traguardare l'obiettivo comune di consegnare l'opera nei tempi previsti».