|
napoli 2
24 ottobre 2020, Aggiornato alle 12,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Msc presenta il suo piano per i carburanti puliti

Il gruppo con sede a Ginevra punta in particolare sull'idrogeno


Mediterranean Shipping Company (Msc) sta esplorando ulteriormente la fattibilità dell'idrogeno e dei combustibili derivati da esso come possibile fonte di carburante per il futuro per il trasporto di container e sta aprendo sempre più la strada all'uso di biocarburanti all'interno del suo attuale flotta. Lo ha dichiarato Bud Darr del gruppo Msc nel corso di un convegno sui combustibili alternativi tenuto a Ginevra, dove la società armatoriale ha sede dal 1978.

"Non esiste un'unica soluzione per decarbonizzare le spedizioni; abbiamo bisogno di una gamma di combustibili alternativi su larga scala e ne abbiamo bisogno urgentemente", ha affermato Darr. "Il futuro del trasporto marittimo e della decarbonizzazione dipenderà da solide partnership sia dal punto di vista della collaborazione tecnologica che dell'approvvigionamento".

Msc sta esplorando e sperimentando attivamente una gamma di combustibili e tecnologie alternative e sta già effettuando il rifornimento di biocarburanti su larga scala. Il Gnl di origine fossile rimane un'opzione di transizione, mentre la cattura e lo stoccaggio del carbonio, se perfezionati per l'uso marino, potrebbero rivelarsi utili.

Secondo Darr, le partnership industriali potrebbero aiutare ad accelerare lo sviluppo di idrogeno pulito a vantaggio dell'intero settore del trasporto di container. Nonostante alcune sfide significative da superare principalmente legate alla densità, al volume e alla manipolazione sicura, Msc è favorevole a ulteriori sforzi di ricerca e sviluppo per produrlo in modo neutro rispetto ai gas serra e svilupparlo su larga scala, insieme ad altri combustibili che potrebbero derivarne.
 

Tag: msc - gnl