|
napoli 2
20 settembre 2019, Aggiornato alle 15,59
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Logistica

Mercato europeo dell'auto stabile a maggio, dopo 8 mesi di calo

Ma tra i cinque major markets, bene solo Germania e Francia


Quando crescita zero è una buona notizia. Secondo i dati diffusi da Acea (European Automobile Manufacturers' Association), il mercato auto europeo ha confermato a maggio i volumi dello stesso mese dello scorso anno (+0,0%) dopo otto mesi consecutivi di calo. La domanda è stata trainata principalmente dai Paesi nuovi membri (EU12), dove le immatricolazioni sono aumentate del 6,2% nel mese, anche grazie a un miglior andamento dell'economia in quest'area, nel primo trimestre 2019, rispetto a quella dell'Europa a 15. Per contro, i cinque major markets hanno registrato risultati differenziati: la Spagna (-7,3%), il Regno Unito (-4,6%) e l'Italia (-1,2%) continuano a rallentare, mentre si registra una crescita in Germania (+9,1%) e Francia (+1,2%). Le vendite di vetture diesel risultano in flessione a due cifre per Spagna (-26%), Italia (-20%), Regno Unito (-18%) e Francia (-11%) e in crescita a due cifre per la sola Germania (+16%), dopo la contrazione dello 0,9% riportata ad aprile, la prima del 2019. 

"Da gennaio a maggio 2019, ad eccezione della Germania (+1,7%), i cinque maggiori mercati hanno riportato tutti una flessione, più o meno lieve: -0,05% Francia, -3,1% Regno Unito, -3,8% Italia e -5,1% Spagna – spiega Paolo Scudieri, Presidente di Anfia (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica) –. La riduzione delle immatricolazioni di auto diesel nel progressivo da inizio 2019 in questi cinque Paesi è del 15%, con una perdita, in termini di volumi, che supera le 280 mila unità. Difficile fare previsioni sull'andamento di un mercato europeo influenzato da tanti fattori economici, politici e, non ultimi, normativi – considerando l'impatto dei target di riduzione delle emissioni di Co2 al 2021, al 2025 e al 2030 sui piani di sviluppo dei costruttori europei di auto. In termini generali – conclude Scudieri – possiamo dire che le stime attuali parlano di volumi di immatricolazioni in leggera contrazione per il 2019".
 

Tag: automotive