|
adsp napoli 1
16 maggio 2022, Aggiornato alle 17,07
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Mediterraneo, le navi Msc cambiano rotta per evitare i cetacei

In particolare il bacino a ovest e a sud del Peloponneso e a sud-ovest di Creta rappresentano le aree critiche


La compagnia armatoriale MSC ha annunciato di voler reindirizzare le proprie portacontainer sulla costa occidentale della Grecia per ridurre il rischio di collisione con capodogli e grandi cetacei. Dopo aver discusso con quattro importanti ong ambientali, la società ha preso questa decisione per salvaguardare l'habitat e la vita di circa 300 cetacei ormai in via d'estinzione.

Dalle analisi condotte da International Fund for Animal Welfare, OceanCare e il WWF è emerso che il bacino a ovest e a sud del Peloponneso e a sud-ovest di Creta rappresentano le aree critiche, perché qui i grandi cetacei si trovano in profondità tutto l'anno: è l'unica area in cui sono stati osservati gruppi familiari nel Mediterraneo orientale e si concentrano intorno al contorno di 1000 m di profondità – direttamente nel percorso di trafficate rotte marittime.

"Come leader globale nel trasporto di container e nella logistica, abbiamo la responsabilità di garantire che le nostre operazioni cargo abbiano un impatto positivo, come testimonia il nostro impegno a lungo termine nella conservazione e protezione dell'oceano e della fauna marina", ha dichiarato Stefania Lallai, vice president of Sustainability di MSC. "Collaborare come partner delle ong è fondamentale per proteggere i capodogli in via di estinzione lungo la costa greca", ha concluso.
 

Tag: ambiente