|
adsp napoli 1
03 febbraio 2023, Aggiornato alle 09,44
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Cultura - Personaggi

Marevivo, Rosalba Giugni riceve le chiavi della Città di Firenze

L'evento è un punto di partenza per lo sviluppo di sinergie future con l'amministrazione comunale sui temi che l'associazione porta avanti da quasi 40 anni

La vicesindaca di Firenze Alessia Bettini (a sinistra) consegna le chiavi della città alla presidente di Marevivo Rosalba Giugni

La vicesindaca di Firenze Alessia Bettini ha consegnato nel Palazzo Vecchio le chiavi delle porte della capitale toscana alla presidente di Marevivo Rosalba Giugni, "appassionata ambasciatrice del mare, per la sua generosa e instancabile opera di sensibilizzazione all'educazione ambientale. A lei ci lega una storia di amicizia e una visione condivisa, fondata sui valori della salvaguardia dell'ambiente, dello sviluppo sostenibile e della promozione dell'economia circolare".

L'evento rappresenta un simbolico punto di partenza per lo sviluppo di sinergie future con l'amministrazione comunale sui temi che l'associazione porta avanti da quasi 40 anni per la salvaguardia dell'ecosistema marino e su progetti che vedranno coinvolti istituzioni, imprenditori virtuosi e sostenitori con iniziative e progetti a favore dei diritti dell'ambiente e del mare.

"La mia intuizione iniziale di fondare Marevivo – ha dichiarato Giugni – si è trasformata in realtà grazie all'impegno di tutti: studiosi, professionisti e appassionati che quotidianamente si adoperano per cercare la strada migliore per raggiungere traguardi importanti per la salvaguardia del mare. Queste chiavi, che sono onorata di ricevere, sono il simbolo di una sinergia necessaria tra settore pubblico, privato e terzo settore, perché soltanto unendo le forze possiamo vincere, superando la via di non ritorno di cui parlano gli scienziati. Su tutto è fondamentale educare e informare per creare una nuova consapevolezza e per dar vita al reale cambiamento di rotta, necessario per la sopravvivenza della nostra specie sul Pianeta", ha concluso Giugni.