|
adsp napoli 1
21 giugno 2024, Aggiornato alle 16,03
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Infrastrutture

L'orderbook italiano di nuove navi è quasi tutto ecologico

Su 145 navi, 126 sono per unità predisposte a utilizzare carburanti a bassissime emissioni, soprattutto il gas naturale liquefatto. I dati di Srm-Assoporti

Un cantiere navale a Rijeka, in Croazia (aiva./Flickr)

Quasi la metà – il 47,5 per cento - del tonnellaggio navale attualmente in ordine è predisposto all'utilizzo di carburanti alternativi al gasolio. Lo rende noto Port Infographics, il nuovo report annuale del centro Studi e Ricerche per il Mezzogiorno di Intesa San Paolo realizzato insieme ad Assoporti.

Leggi il report integrale Srm-Assoporti

Sono in tutto 552 navi, di cui la maggior parte sono predisposte all'utilizzo di gas naturale liquefatto (il 39,5%), seguito da metanolo (4,6%) e gas naturale di propano (LPG, 2,2%). 

Di queste 552 navi, 126 sono ordinate da operatori attivi in Italia, su un totale di 145 destinate ad essere attive nel Paese. La quasi totalità dei 126 ordini italiani (81%) è predisposta al gas naturale liquefatto, il 53 per cento (alcune di quelle ad LNG possono anche utilizzare altri tipi di carburanti) all'ammoniaca. Ancora più nel dettaglio, di queste 126 navi, 32 sono predisposte all'LNG, 26 all'ammoniaca, 10 ad ammoniaca e metanolo, 10 all'ammoniaca combinata con l'elettrico, 7 ad ammoniaca, 14 a batteria ibride, 9 a gas e metanolo, 4 a metanolo, 2 a idrogeno, 1 a gas e idrogeno.

Il dato non indica che in futuro tutte queste navi mercantili navigheranno sicuramente con carburanti a basse emissioni, significa solo che se potessero (se ci fosse una produzione all'altezza della domanda e se ci fosse una rete di distribuzione capillare, fattori che al momento mancano) lo farebbero. 

Confortante anche il dato sulle navi in navigazione che già utilizzano carburanti alternativi al gasolio tradizionale: nel 2017 erano appena il 2,7 per cento, nel 2023 più del doppio, il 6 per cento. Nel 2030 le previsioni sono forse un po' ottimistiche ma vedono la quota salire al 23 per cento.

-
credito immagine in alto