|
adsp napoli 1
01 febbraio 2023, Aggiornato alle 15,52
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Eventi

La logistica nel 2030, dopo la Next Generation EU

Il grande piano di rilancio europeo determinerà le infrastrutture dei prossimi dieci anni. Se ne parlerà a marzo allo Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry, con Musolino, Marcucci, Maresca, Paita

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea

La sessione dedicata nella seconda mattinata a Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry, a partire dalle 11.00, tratterà di temi come: i contenuti del programma italiano per l'utilizzo dei fondi del Recovery Plan; quali investimenti necessari restano fuori e che probabilità hanno di essere finanziati; le regole di utilizzo dei fondi e i rischi connessi alla non conformità; l'assetto normativo migliore per fare in fretta e fare bene.

Il governo ha rimesso mano, per la terza volta, al piano generale di investimenti da sottoporre all'approvazione Ue in ambito Recovery Plan. Dalle prime indicazioni è già emerso che sono stati tagliati 14 miliardi che erano stati inseriti "di riserva" per progetti che non avevano comunque una precedente copertura a bilancio italiano e rischiavano di pesare con un extra-budget sui conti pubblici. Una misura di "pulizia di bilancio" che però mette, se ce ne fosse bisogno, in evidenza una questione di fondo.

L'Italia, viste le condizioni economiche e di bilancio, ha adottato per la destinazione delle possibili risorse del Recovery Plan la strategia di sostituire i fondi europei alle allocazioni di bilancio per la realizzazione di opere già autorizzate. Questo porta a prevedere che la forma del sistema infrastrutturale e logistico italiano al 2030 sarà determinata da quanto avviato nei prossimi mesi. Di fronte a questa realtà, che dipinge l'Italia come la nazione che sarà più condizionata dalle scelte europee della Next Generation EU, è il momento di chiedersi se gli investimenti saranno effettivamente realizzabili nei tempi imposti dall'Unione europea, se saranno utili all'affermazione dell'intermodalità, se favoriranno la connessione con le reti europee e se consentiranno l'integrazione dei e tra i cluster industriali.
 
Al panel della seconda mattinata a Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry parteciperanno: Pino Musolino, presidente AdSP Mar Tirreno Centro Settentrionale; Nereo Marcucci, past president Confetra; un rappresentante della F2i Holding Portuale; Giuseppe Catalano, Coordinatore Struttura Tecnica di Missione, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Maurizio Maresca, Professore Ordinario di diritto dell'Unione europea, Università degli Studi di Udine; Maurizio D'Amico, Presidency Cabinet, FEMOZA; Andrea Arzà, Presidente, Assogasliquidi-Federchimica; Raffaella Paita, Presidente Commissione Trasporti, Camera dei Deputati; Marco Lenti, Studio Legale Mordiglia; Fabio Sartori, Business Development Manager, Uretek. Modera Roberto Capobianco, Presidente, Conflavoro PMI.

Il programma dell'evento | Registrati

Shipping, Forwarding&Logistics meet Industry è dal 2017 l'appuntamento annuale dedicato all'incontro tra il mondo della logistica, delle spedizioni, dei trasporti, il mondo dell'economia produttiva italiana e la realtà politico-amministrativa. L'evento, promosso da un comitato composto da Confetra, ALSEA e The International Propellers Club, è in programma l'8, 9 e 10 marzo in live streaming gratuito previa registrazione.

-
credito immagine in alto

Tag: convegni